VINICIO CAPOSSELA in concerto a Berlino il 12 dicembre

vinicio capossela
Contenuto promosso da von der haardt GmbH

Vinicio Capossela sarà in concerto a Berlino con “Round One Thirty Five“, il 12 dicembre 2022, presso il Columbia Theater. L’apertura è prevista per le ore 19.00 e l’inizio del concerto per le 20.00. Potete trovare qui i biglietti in prevendita, mentre questo è l’evento Facebook ufficiale.

Il concerto fa parte di un tour internazionale, che si terrà dal 6 al 13 dicembre e toccherà anche Londra, Bruxelles, Berlino e Parigi.

Vinicio Capossela a Berlino: torna la magia di un poeta metropolitano

Il 12 dicembre, sul palco del Columbia Theater di Berlino, andrà in scena “Round One Thirty Five”, concerto e fantastico happening che prende il nome dall’album di esordio di Vinicio Capossela e ripercorre la storia dei primi 20 anni di carriera dell’artista.

Ad accompagnare Capossela, saranno gli storici collaboratori Enrico Lazzarini (contrabbasso), Antonio Marangolo (sassofono), Giancarlo Bianchetti (chitarra) e Zeno De Rossi (batteria).

Vinicio Capossela

Sul palco atmosfere e storie inconfondibili, piene di vino, vita e ironia

All’una e trentacinque circa” usciva il 12 ottobre 1990, ma è più vivo e potente che mai. Nato grazie al grandissimo Renzo Fantini, nel 1991 l’album vinse la Targa Tenco con i suoi bagliori malinconici, i suoi languori passionali e una poesia metropolitana che mescolava Tom Waits e Paolo Conte ai circuiti underground dell’Emilia-Romagna.

Ben 31 anni dopo quell’esordio, che catturò il Guccini di “Via Paolo Fabbri 43” e ipnotizzò i nottambuli del Pjazza di Bellaria Igea Marina, primissimo pubblico di “All’una e trentacinque circa”, Vinicio Capossela è pronto a replicare la sua eterna magia anche a Berlino.

Sul palco del Columbia Theater di Berlino, l’autore di “Scivola vai via“, “Ultimo amore” e “Nella pioggia“, tornerà a cantare la sua vita sdrucita e calda. Lo farà avvolgendo il suo pubblico, come sempre, di suoni e storie che parlano di asfalto e ironia, restituendo polverose istantanee di viaggio, sorsi di vino e ricordi rubati. Insomma, evocherà un mondo che, per usare le parole dello stesso Capossela, “è pieno di guai, affollato di guitti stralunati, strade chiassose e vecchie macchine”.

Un artista poliedrico: cantautore, polistrumentista, scrittore

Vinicio Capossela non è solo un apprezzato e famosissimo cantautore in grado di farsi contaminare da diverse influenze, ma anche un originale artista a tutto tondo. Parallelamente all’attività musicale, infatti, ha al suo attivo anche una carriera letteraria di tutto rispetto. Nel 2004 ha pubblicato il primo romanzo, “Non si muore tutte le mattine“, mentre “Il paese dei coppoloni” è stato candidato al premio Strega nel 2015. Nel 2013, ha inoltre ideato lo “Sponz Fest“, festival di cui è tutt’ora direttore artistico e che è ormai giunto alla sua decima edizione.

Dopo l’interruzione delle attività concertistiche a causa dell’emergenza sanitaria, Vinicio Capossela ha infine debuttato, nel 2021, con lo spettacolo “Bestiale Comedìa”, un concerto per celebrare i 700 anni della morte di Dante Alighieri.


Vinicio Capossela

Leggi anche:
Intervista a Vinicio Capossela: sono un politeista, non un integralista

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here