Roger Waters, concerti a rischio in Germania a causa delle posizioni dell’artista

roger waters
Roger Waters. Davidwbaker, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons

Roger Waters potrebbe aver problemi a suonare in Germania, a causa delle sue dichiarazioni contro Israele e del suo supporto al BDS (Boycott, Divestment and Sanctions), movimento che invita al boicottaggio dello Stato di Israele.

A maggio l’ex membro dei Pink Floyd dovrebbe suonare a Berlino, oltre a esibirsi in Assia e in Baviera. Al momento però, le polemiche sanno sollevando un discreto polverone.


documenta

Leggi anche:
“Documenta” e le accuse di antisemitismo: si dimette la direttrice. “Troppo tardi” dicono le istituzioni ebraiche

Roger Waters in Germania nel 2023: ma c’è chi chiede che vengano cancellati i concerti

Il cofondatore, bassista e cantante dei Pink Floyd, Roger Waters, è noto da anni anche per le sue accese posizioni politiche. Tra le più note, quella a supporto del popolo palestinese. Le modalità con cui Waters ha protestato e protesta ancora all’indirizzo di Israele, però, stanno incontrando in Germania critiche talmente accese da mettere a rischio il tour imminente dell’artista. Nell’occhio del ciclone sono finite, in particolare, alcune  dichiarazioni che paragonano all’olocausto le azioni delle forze di sicurezza israeliane contro i palestinesi.

Waters dovrebbe esibirsi in Germania a maggio del 2023 e il 17 maggio dovrebbe calcare il palco della Mercedes-Benz Arena di Berlino. Il commissario per l’antisemitismo della capitale tedesca, Samuel Salzborn, ha tuttavia chiesto l’annullamento del concerto e definito Waters, su B.Z., “una delle voci più forti, nel mondo della musica, nella diffusione dell’antisemitismo anti-israeliano”. Richieste simili sono giunte anche dai commissari per l’antisemitismo di Assia e Baviera, dove pure sono previsti concerti dell’ex bassista dei Pink Floyd.

Roger Waters. Davidwbaker, CC BY-SA 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0>, via Wikimedia Commons

Uwe Becker, il commissario dell’Assia, ha rincarato la dose. “Waters ha usato la sua notorietà, per anni, per incitare alla diffamazione contro lo Stato ebraico e mettere in dubbio la sua legittimità” ha dichiarato Becker, chiedendo la cancellazione del concerto previsto per il 28 maggio alla Festhalle di Francoforte. Becker si è inoltre dichiarato profondamente colpito dai palloncini a forma di maiale, su cui spiccava una stella di Davide, esibiti durante alcuni vecchi concerti di Waters.

Stessa posizione ha espresso, all’inizio di ottobre, il commissario bavarese, Ludwig Spaenle, che ha chiesto l’annullamento del concerto di Waters all’Olympiahalle di Monaco, a meno che l’artista non prenda le distanze dal movimento BDS, che invita a boicottare e sanzionare Israele.

Anche l’organizzatore dei concerti prende le distanze

Martedì, persino l’organizzatore dei concerti di Waters ha preso le distanze. “La nostra firma del contratto e i relativi impegni per gli spettacoli di Roger Waters avvengono in un momento precedente alle dichiarazioni dell’artista o alla conoscenza di singole dichiarazioni che noi stessi riteniamo problematiche e che non riflettono in alcun modo le nostre opinioni” ha dichiarato alla dpa un portavoce di FKP Scorpio di Amburgo, che organizza il tour.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest