A Berlino, il 3 dicembre, celebriamo la Giornata internazionale delle persone con disabilità

3 dicembre

di Amelia Massetti

In tutto il mondo, il 3 dicembre, individui, organizzazioni, collettivi e istituzioni sono chiamate a celebrare, con eventi di sensibilizzazione, la Giornata internazionale delle persone con disabilità. Proclamata dall’ONU nel 1981 per promuovere i diritti e il benessere dei soggetti più fragili che vivono una disabilità, si tratta di una ricorrenza stabilita anche per richiamarci alla necessità di intraprendere azioni volte alla effettiva partecipazione e inclusione in ogni aspetto della vita sociale, politica, culturale ed economica.

In questa giornata l’associazione Artemisia e.V promuove e organizza insieme a EMERGENCY Deutschland, dal 2019, l’iniziativa “Inklusion geht uns alle an – L’inclusione ci riguarda tutt*“. Questo evento, dal fitto programma. si svolgerà presso l’AWO Begegnungszentrum di Kreuzberg (Adalbertstrasse 23a, 10997 Berlin), dalle ore 14.30 alle ore 22.00.


Leggi anche:
Germania: la nuova legge sul triage scontenta tutti, associazioni per disabili e medici

Berlino, il 3 dicembre si celebra la Giornata internazionale delle persone con disabilità

Siamo ormai alla quarta edizione, che le associazioni promotrici, insieme al Bezirksamt Friedrichshain-Kreuzberg von Berlin e all’AWO Begegnungszentrum, organizzano per aggregare tutt* coloro che ritengono il tema della cura e dell’abbattimento degli ostacoli un elemento fondante per una società democratica e priva di discriminazioni.

Tra i partner dell’evento di questo 3 dicembre 2022 ci saranno Thikwa Theaterwerkstatt, che allestirà una mostra all’interno della struttura, e Il Mitte, partner dalla prima edizione. Anche il Comites della circoscrizione di Berlino ha dato il patrocinio.

Per Artemisia ed EMERGENCY la giornata “Inklusion geht uns alle an” è diventata una ricorrenza annuale. Entrambe queste organizzazioni conoscono il valore della riabilitazione per le persone disabili, che faticano a conquistare dignitosamente una vita in autonomia.
Per chi vive una disabilità per cause genetiche, malattia, per colpa della guerra o della povertà, la capacità di resilienza, con l’ausilio degli strumenti messi a disposizione, assume un’importanza fondamentale al fine di potersi costruire un domani come parte di una società che, normalmente, esclude chi non rientra in uno standard.

Il contributo di EMERGENCY Deutschland

Il lavoro di Artemisia, in sinergia con il collettivo dei volontari di EMERGENCY Deutschland presenti a Berlino, ha portato, negli anni, a momenti di approfondimento relativo al tema dell’inclusione. È questo l’obiettivo che vogliamo perseguire, anche in riferimento alla situazione attuale in Germania, guardando alle esperienze di persone con disabilità in riferimento alle buone pratiche da seguire.

EMERGENCY dal canto suo, com’è noto, è un progetto fondato sull’idea che l’accesso alle cure mediche debba essere garantito a tutt* come diritto fondamentale e che le cure, per essere efficaci, debbano essere di alta qualità e gratuite. Come esempio si può citare, tra i tanti, quello del centro di riabilitazione e reintegrazione sociale di Sulaymaniyah in Iraq. Come tutte le strutture di EMERGENCY, anche questo centro è stato costruito dove serviva, oltre 25 anni fa, e ha permesso a migliaia di persone, in gran parte vittime di mine antiuomo, di cercare a ricomporre una vita distrutta dalla guerra.

L’intervento e la presenza degli ospedali, delle cliniche e dei centri di riabilitazione costruiti dall’organizzazione fondata da Gino Strada, e che oggi lavora in nove Paesi tra cui Afghanistan, Sudan, Iraq e Uganda, permettono di accedere alle cure gratuitamente a coloro che ne hanno necessità, senza distinzioni.

3 dicembre

Nell’edizione di quest’anno, le persone disabili saranno gli attori principali

Quest’anno è stato elaborato un evento in cui attori e attrici principali sono le persone disabili, che vivono in prima persona la distanza dalla cosiddetta normotipicità e che hanno costruito un percorso artistico all’interno di una società, come quella tedesca, che ancora deve fare tanta strada per implementare l’inclusione di fatto, nella scuola e sul posto di lavoro.


Leggi anche:
La magia del Teatro Thikwa, in cui artisti disabili e non si esibiscono insieme

Ad arricchire la giornata, gli artisti del Thikwa Theater condivideranno il loro lavoro in un dibattito interattivo con il pubblico, che potrà liberamente porre delle domande per capire cosa significhi lavorare come artista quando si ha una disabilità e quali cambiamenti e fatiche personali implichi operare in questo ambito.

Nel primo pomeriggio verranno organizzate delle attività inclusive, alcune delle quali condotte da persone con disabilità, in collaborazione con operatrici e operatori. Ci sarà inoltre un laboratorio di Movimento Creativo, a cura di Maria Cristina Canta, un laboratorio di Arteterapia, a cura di Manuela Luise, nonché un workshop di Waving-Hip Hop by Mabou, condotto da Makbule Dell e Lia Massetti. In ultimo le acrobazie con Diablo di Felix Brünig e Anne- Sophie Mosch.

Le attività di EMERGENCY

Parallelamente ai workshop di Artemisia, verrà allestito un Cineforum, con documentari e immagini dagli ospedali e centri di riabilitazione, nei quali da oltre 28 anni EMERGENCY fornisce cure medico-chirurgiche gratuite e di qualità alle vittime della guerra, della povertà e delle mine antiuomo.
In questa giornata si potranno ritirare in loco i panettoni di EMERGENCY, da ordinare via email entro il 30 novembre, dalla campagna di sostegno all’associazione chiamata UN PANETTONE FATTO PER BENE.

In questa giornata di iniziative, workshop, musica e condivisione, vogliamo concentrarci insieme sulle sfide che riguardano le tematiche della cura e dell’inclusione, celebrando un mondo inclusivo e l’incontro tra prospettive differenti. Vogliamo superare, in questo modo, le barriere che sono la causa dell’isolamento, in particolare a danno di chi ha una disabilità, ma non solo. Attraverso un programma che prevede momenti collettivi di inclusione, ricreativi e di dibattito aperto, stimoleremo lo scambio e la partecipazione.

fiori
Il giardino dell´ospedale di EMERGENCY di Lashkar Gah, in Afghansitan (Foto:Gianluca Cecere)
fiori

Siete tutti invitati a partecipare e a trascorrere insieme questa giornata di festa, occasione in cui si festeggiano anche i 7 anni dell’associazione Artemisia, che veniva presentata per la prima volta proprio il 3 dicembre del 2015, da Amelia Massetti, ideatrice e attuale presidente. L’associazione, diventata nel frattempo legalmente riconosciuta in Germania, nasce con lo scopo di creare una rete tra le famiglie che includono persone con disabilità ed operatori e operatrici del settore, ed è diventata un luogo di incontro per discutere e comprendere il sistema tedesco, nonché la sua opportunità di inclusione per le persone disabili.

In ottobre Amelia Massetti – Presidente della Commissione Scuola, Inclusione e disabilità del Comites della circoscrizione di Berlino –  ospite dell’evento “Benvenuti a Berlino“, ha spiegato quali siano oggi le risorse e i diritti disponibili in Germania per le persone disabili, e ha elaborato la prima guida nel linguaggio semplificato dove poter trovare tutte le informazioni necessarie per chi ancora non conoscono l’iter burocratico da seguire. Un lavoro rivolto alle persone disabili – o a chi abbia un familiare con una disabilità – che vivono o che vogliono trasferirsi in Germania. Sul sito di Artemisia e del Comites è possibile scaricare questa preziosa guida e anche rivedere in streaming il video di Benvenuti a Berlino.

Durante l’evento, ci sarà un buffet a offerta libera

Il 3 dicembre ci sarà anche un momento conviviale nel quale si condivideranno alcune specialità italiane, glüwein e bevande, in un buffet a offerta libera dall’atmosfera prenatalizia. Alla fine della serata si terrà un concerto con musiche del duo berlinese composto da Michael Glucksmann, musicista da Gerusalemme, e Madlen Stange, cantante strepitosa che eseguirà brani dal suo repertorio di canti bulgari.

L’evento è gratuito, ma si accettano donazioni per sostenere le associazioni che organizzano la giornata. Il progetto è co-finanziato dal Bezirksamt di Friedrichshain-Kreuzberg di Berlino e dall’AWO Begegnungszentrum Kreuzberg. L’accesso alla struttura è privo di barriere architettoniche. Qui l‘evento facebook ufficiale.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here