Nuove stazioni a Berlino: ecco dove potrebbero essere

sabotaggio

Il problema della mobilità urbana a Berlino – come in qualsiasi grande metropoli – è complesso e oggetto di continui aggiustamenti, che mirano a espandere il servizio di pari passo con l’evoluzione della situazione abitativa e lavorativa degli abitanti. Almeno questo è quanto si cerca di fare in teoria e, almeno nel caso di Berlino, non sempre con successo. Da tempo, infatti, i residenti delle periferie e diversi movimenti politici e sociali lamentano un’attenzione eccessiva per il centro cittadino e per i quartieri all’interno del Ring della S-Bahn, a discapito delle zone periferiche, che digradano verso l’hinterland e verso il Brandeburgo, nelle quali le opzioni di trasporto sono molte meno. In risposta a un’interrogazione parlamentare di Die Linke, il Senato di Berlino ha menzionato il progetto di costruire diverse nuove stazioni ferroviarie per il trasporto regionale.

Una fermata regionale per Marzahn

Al momento sarebbero allo studio ulteriori fermate dei treni regionali nell’area urbana, soprattutto nei quartieri più a est e a sud-ovest di Berlino. Il Segretario di Stato per i Trasporti Meike Niedbal (Verdi) ha dichiarato, rispondendo a Kristian Ronneburg di Die Linke, che il Senato sta preparando uno studio in collaborazione con la Deutsche Bahn per creare una nuova fermata per i treni regionali alla stazione di Marzahn, con l’idea di rendere possibili i collegamenti già nella prima metà del 2023.

Al momento, la fermata di Marzahn è collegata solo ai trasporti urbani, mentre un collegamento diretto con l’hinterland nella direzione del Brandeburgo, a nord-est, permetterebbe spostamenti più rapidi e meno complicati tanto per i residenti del distretto di Marzahn-Hellersdorf quanto per quelli che dal Brandeburgo si spostano a Berlino. Del resto, trasformare Marzahn in una stazione di portata almeno regionale non sarebbe affatto una novità assoluta: era infatti proprio questa la natura originaria della stazione fra il 1898 e il 1981.

Si pensa a nuove stazioni lungo la Stammbahn

Si parla anche di nuove stazioni nella zona sud ovest di Berlino, lungo la Stammbahn – la prima linea ferroviaria della città e dell’intera Prussia, inaugurata nel 1838 per collegare Berlino con Potsdam via Zehlendorf e il cui funzionamento fu interrotto dopo la seconda guerra mondiale. A maggio di quest’anno, le amministrazioni di Berlino e del Brandeburgo hanno convenuto di rimettere in funzione questa tratta per il traffico regionale, con l’obiettivo di arrivare all’operatività nella seconda metà del prossimo decennio.


Leggi anche:
I nuovi treni notturni di Deutsche Bahn: cuccette comfort e WLAN

 


Niedbal ha indicato come possibili nuove fermate del trasporto regionale Düppel-Kleinmachnow, Buckower Chaussee, Zehlendorf, Steglitz, Schöneberg, Südkreuz, Neukölln o Hermannstraße. Le ultime tre stazioni si troverebbero sulla Ringbahn meridionale di Berlino, che a questo scopo dovrebbe essere elettrificata e potenziata. L’idea, se si riuscisse a rendere possibile il trasporto regionale elettrico anche in questo tratto del Ring, sarebbe quella di creare nuovi collegamenti rapidi all’interno dell’area urbana, per esempio verso Ostkreuz e il Brandeburgo.

Su un’ipotetica stazione di Buckower Chaussee, che sarebbe più che gradita ai distretti meridionali di Berlino e creerebbe nuovi collegamenti nel quartiere di Marienfelde, la DB ha espresso scetticismo, per il timore che nuovi treni regionali su questa tratta possano ridurre le prestazioni e limitare il passaggio dei treni rapidi della nuova ferrovia di Dresda, che collegherà Berlino con l’aeroporto BER, con Dresda e con Praga dalla fine del 2025. Preoccupazioni simili sono stati espressi dai progettisti della Deutsche Bahn anche rispetto all’ipotesi di nuove fermate regionali a Köpenick, istanza sulla quale ha però prevalso la volontà del Senato cittadino. La Deutsche Bahn ha infatti annunciato che, a partire dalla prossima primavera, per la stazione S-Bahn di Köpenick passerà anche il traffico regionale, con lavori che saranno completati entro il 2027.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest