Germania: I dipendenti pubblici chiedono un aumento dei salari di almeno 500 Euro al mese

aumento dei salari, sindacato Ver.di
Il presidente di ver.di Frank Werneke Wolf1949H, CC0, via Wikimedia Commons

Il sindacato tedesco Verdi e l’associazione dei dipendenti pubblici dbb si apprestano a discutere con il governo la contrattazione collettiva per il pubblico impiego e si siedono al tavolo delle trattative con una richiesta ben precisa: un aumento dei salari di almeno il 10,5%, corrispondente ad almeno 500 Euro mensili.

I sindacati: “aumento dei salari necessario per contrastare l’inflazione”

“L’andamento dell’inflazione, dei prezzi dei generi alimentari e soprattutto dell’energia sta creando profonde falle nei bilanci familiari dei lavoratori. Molti di loro non sanno come mantenere a galla se stessi e le loro famiglie, alcuni non riescono più a pagare l’affitto o il riscaldamento”, sottolinea il presidente di Ver.di Frank Werneke in un comunicato disponibile sul sito ufficiale del sindacato, e prosegue: “Garantire i redditi compensando l’inflazione, soprattutto per quei lavoratori con redditi medi e piuttosto bassi, è per noi al centro della contrattazione”.

L’aumento, secondo quanto i rappresentanti del sindacato hanno dichiarato all’agenzia di stampa dpa, dovrebbe riguardare tutti i lavoratori del servizio pubblico, tanto a livello federale quanto a livello comunale. Questo aumento dei salari sarebbe una componente centrale del pacchetto di richieste che sindacato e associazioni si apprestano a presentare al governo nel contesto della prossima contrattazione collettiva, che dovrà essere discussa all’inizio del prossimo anno.


Leggi anche:
L’autunno caldo delle proteste: in 100.000 in piazza contro inflazione, misure anti-Covid e guerra

Un simile provvedimento coinvolgerebbe circa 2,5 milioni di lavoratori in tutta la Germania. Anche in questo settore, quindi, è lecito aspettarsi un 2023 animato da proteste du diversi gruppi e categorie. Sono considerati probabili scioperi “di avvertimento”, per esempio, da parte degli educatori delle scuole materne e degli autisti degli autobus, in corrispondenza delle varie fasi della contrattazione collettiva invernale.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest