Allarme bomba su TikTok per un volo Lufthansa – ma è uno scherzo

allarme bomba lufthansa

Domenica, un aereo della Lufthansa in viaggio da New York a Monaco è stato costretto a un atterraggio di emergenza a Parigi a causa di un allarme bomba in seguito a un commento su TikTok. I passeggeri dell’Airbus A346-642 erano già in volo da quasi sei ore, partiti dall’aeroporto JFK, quando il pilota ha annunciato la necessità di un atterraggio d’emergenza dovuto a un guasto tecnico.

A imporre la necessità di un cambio di rotta e l’atterraggio nelle prime ore del mattino all’aeroporto Charles De Gaulle è stato il commento di un utente a un video su TikTok. Nel video in questione, compare il volo Lufthansa LH411 tracciato tramite il servizio Flightradar24 e fra i commenti si legge quello di un utente anonimo che dichiara “Ho messo una bomba su quell’aereo”.


Leggi anche:
Troppi voli annullati. Ministero tedesco: “pagare il biglietto solo dopo l’atterraggio”

Quando sono sbarcati dall’aereo direttamente sulla pista, i 267 passeggeri e i 14 membri dell’equipaggio sono stati accolti da agenti armati, i quali hanno perquisito il velivolo, sul quale, fortunatamente, non era presente alcun ordigno esplosivo. Solo una volta in aeroporto, stando a quanto un testimone ha raccontato al tabloid Bild, i passeggeri sono stati informati del fatto che un allarme bomba classificato come grave era la vera causa del cambio di rotta e dell’atterraggio imprevisto.

Lanciare un finto allarme bomba può costare caro

Una bravata del genere su TikTok, tuttavia, rischia di costare molto all’autore, sia in termini di conseguenze legali che in termini di richieste di risarcimento da parte di Lufthansa – gli atterraggi d’emergenza hanno costi molto alti, che comprendono, oltre alle tariffe aeroportuali, anche i costi del carburante, dell’alloggio e del vitto per tutti i passeggeri e dei trasferimenti necessari per farli arrivare a destinazione. Lufthansa ha parlato di risarcimenti “a sei cifre”.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest