Incendio in un edificio abbandonato a Berlino: fiamme alte diversi metri. Il fumo ha raggiunto tre quartieri

fumo, edificio in fiamme

Un altro incendio è scoppiato a Berlino nel fine settimana, questa volta nel quartiere di Gesundbrunnen. A prendere fuoco è stato il tetto di una ex casa di riposo ebraica a Schulstraße e i vigili del fuoco hanno impiegato diverse ore a mettere sotto controllo le fiamme, che hanno raggiunto l’altezza di alcuni metri e hanno sviluppato una grande quantità di fumo che si è diffuso fino a raggiungere anche i quartieri confinanti.

Il fumo è arrivato fino a Neukölln

All’operazione hanno partecipato circa 150 vigili del fuoco e i soccorritori hanno raccomandato a tutti i residenti di chiudere le finestre, per evitare che gli appartamenti fossero invasi dal fumo – che è arrivato fino a Prenzlauer Berg, Potsdamer Platz, Alexanderplatz e perfino in alcune parti di Neukölln.

L’allarme è stato dato inizialmente intorno alle 23.00 di sabato sera e si è propagato su una superficie di circa 2500 metri quadrati in cima all’edificio di tre piani. Le operazioni di spegnimento si sono protratte fino alla mattinata di domenica.


Leggi anche:
Berlino, fatte esplodere quattro bombe a Grunewald: ancora conseguenze dell’incendio

La proprietà era abbandonata

Fortunatamente, l’incendio non ha causato danni alle persone, poiché l’edificio, abbandonato da molti anni, era quasi completamente vuoto. All’interno si trovavano due persone senzatetto, che sono state tratte in salvo dai vigili del fuoco prima che le fiamme le raggiungessero. Gli edifici circostanti, invece, non sono mai stati toccati dalle fiamme. Le operazioni di spegnimento sono state rese particolarmente difficili dalla difficoltà di movimento intorno alla proprietà, che versava in uno stato di incuria. Per i soccorritori, è stato difficile raggiungere il punto di origine delle fiamme, ovvero la capriata sottostante il tetto in cemento armato.

Non si hanno indicazioni chiare sulle possibili cause dell’incendio, ma un portavoce della polizia di Berlino ha parlato di “negligenza” e ha annunciato l’avvio di un’indagine.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest