Derivato dell’LSD venduto a Berlino, Lauterbach vuole proibirlo: “Rischi incalcolabili per la salute”

LSD

È un derivato dell’LSD, ma in Germania è legale, si può acquistare ed è disponibile soprattutto a Berlino. 
Parliamo dell’1V LSD, derivato della celebre droga allucinogena, reperibile facilmente online e nella capitale tedesca anche in una serie di shop “dedicati”.

A Berlino si vende un derivato dell’LSD, ma potrebbe essere pericoloso

Il derivato, tuttavia, potrebbe avere effetti collaterali persino più nocivi dell’originale. Lo dichiara il ministero della sanità, guidato da Karl Lauterbach, che ha per questo motivo intenzione di renderlo illegale. In questo caso, la droga sintetica potrebbe essere sottoposta ai divieti e alle sanzioni della legge sulle nuove sostanze psicoattive (NpSG).

Non si tratta di una distinzione da poco. In una Germania che ha già deciso per la legalizzazione della cannabis e sta lavorando sulla sua implementazione, oltre a proporre la depenalizzazione del possesso di piccole quantità di droghe pesanti, individuare quali sostanze siano pericolose diventa un compito fondamentale. Specie se si vuole costruire una cultura della responsabilità che coinvolga in primis il governo.


Leggi anche:
Berlino: Verdi e Die Linke vogliono depenalizzare il possesso di piccole quantità di droghe pesanti

Il Bundesrat valuterà la questione il 16 settembre

La discussione è abbastanza imminente. Il 16 settembre, infatti, il Bundesrat valuterà se vietare ufficialmente l’1V-LSD, sulla base dell sua denunciata pericolosità. Il Ministero federale della Salute ha già “avviato la procedura preparatoria necessaria per un divieto”, ha riferito a WELT Burkhard Blienert, esponente dell’SPD e Commissario per le politiche sugli stupefacenti del governo tedesco.

Bienert ha sottolineato la potenziale nocività della sostanza, mettendo in guardia i consumatori dai “rischi incalcolabili per la salute” che assumere il derivato comporta. Ha inoltre giudicato con estrema severità i fornitori della sostanza psicoattiva, definendoli come “attori senza scrupoli del mercato delle sostanze”.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest