Benzina più cara in Baviera, più economica a Berlino: così la Germania reagisce alla fine dello sconto carburanti

Lo sconto sui carburanti è stato una misura temporanea, per ridurre l’impatto della crisi energetica sulla mobilità in Germania. Dopo il termine di tale sconto, gli automobilisti tedeschi si sono trovati, come previsto, di fronte a un aumento dei costi di benzina e diesel, tuttavia le variazioni di prezzo sono state tutt’altro che uniformi. Le differenze fra un Land e l’altro sono notevoli, al punto che spesso basta fare un centinaio di chilometri passare dal pieno più costoso del Paese a quello meno costoso. Al momento, la benzina più cara della Germania si trova in Baviera, la più economica, invece, a Berlino, Brema e Stoccarda.

Benzina più cara nella zona intorno a Monaco. Fino a 27 centesimi di differenza per l’E5

Nel caso della benzina super E5, la differenza di prezzo regionale arriva fino a 27 centesimi al litro, mentre per il diesel lo scarto può raggiungere i 24 centesimi. È la zona del sud della Baviera, in particolare, a sperimentare i prezzi più alti, con la E5 che, nella giornata di lunedì, si aggirava intorno ai 2.20 Euro al litro. Nelle zone più economiche, invece, nella stessa giornata, i prezzi erano compresi fra 1.93 e 1.96 Euro. La regione intorno e a sud di Monaco è stata la più colpita anche dagli aumenti dei prezzi del diesel, con valori di poco inferiori a 2.28 Euro al litro, contro i 2.04 di media registrati a Brema e in alcune zone di Berlino.


Leggi anche:
Berlino, prezzo carburanti in calo: effetto dello sconto benzina?

Le cause dell’impennata dei prezzi sono molteplici, prime fra tutte la scarsità dei combustibili sul mercato e il conseguente aumento dei costi, ma anche la riduzione della capacità delle raffinerie, che hanno a lungo lavorato con meno personale a causa della pandemia. L’autorità antitrust sta al momento esaminando l’andamento dei prezzi per determinare se gli aumenti siano da considerarsi giustificati.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest