Auto di lusso e patenti sequestrate alla porta di Brandeburgo: il corteo nuziale resta a piedi

auto di lusso

Un corteo nuziale composto da auto di lusso nei pressi di un grande albergo non è certamente una cosa insolita. Meno usuale, perfino in una metropoli notoriamente stravagante come Berlino, è che un simile corteo passi sfrecciando per il centro, si fermi davanti a uno dei più noti monumenti della città e venga fermato dalla polizia, con il conseguente sequestro di veicoli e patenti. Questo è quanto è accaduto lunedì sera nel quartiere di Mitte. Fra le auto e patenti sequestrate c’erano anche quelle dello sposo.

Ignorando i cartelli di divieto di accesso si Pariser Platz – la piazza antistante la Porta di Brandeburgo – diverse auto di lusso si sono dirette a grande velocità proprio verso il grande arco sovrastato dalla grande quadriga . Alcuni degli agenti di polizia che erano presenti sulla piazza in quel momento hanno descritto l’andamento delle auto come potenzialmente pericoloso, a velocità troppo alta e con continue brusche frenate. Tutto questo accadeva intorno alle 20, proprio quando una squadra composta da centinaia di agenti, per puro caso, si trovava in servizio esattamente alla Porta di Brandeburgo.


Leggi anche:
La Porta di Brandeburgo e la statua della Vittoria: un simbolo dalla storia affascinante

 


Sequestrate due auto di lusso e due patenti, fra cui quella dello sposo

Quando gli sposi e i membri del corteo nuziale sono scesi dalle auto per scattare delle foto davanti al monumento, gli agenti si sono accostati al gruppo chiedendo i documenti dei guidatori. Durante le operazioni di verifica, una ciclista ha dichiarato di essere stata superata poco prima in modo pericoloso dalla Maybach guidata dallo sposo e di aver rischiato di cadere.

I poliziotti hanno sequestrato due patenti e relativi veicoli, fra i quali proprio la Maybach dello sposo ventiduenne, accusato di guida pericolosa. L’altro veicolo sequestrato sarebbe, secondo il Tagesspiegel, una Jaguar, il cui guidatore ventitreenne è accusato di eccesso di velocità.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest