3 ottobre a Berlino: celebrazioni per la Giornata dell’Unità Tedesca

giornata dell'unità tedesca
Lear 21 at English Wikipedia, CC BY-SA 3.0 , via Wikimedia Commons

Lunedì 3 ottobre ricorre il 32° anniversario della riunificazione tedesca. Si tratta di una festa nazionale, il che vuol dire che i negozi saranno chiusi e il prossimo fine settimana sarà “lungo” per moltissimi lavoratori in tutta la Germania. Ecco quello che c’è da sapere su questa festività e su come la Giornata dell’Unità Tedesca verrà celebrata a Berlino.

Chi lavora il 3 ottobre?

Quasi tutti i negozi, i supermercati e le attività commerciali resteranno chiusi nella giornata di lunedì. Fanno eccezione le stazioni di servizio, le farmacie e le panetterie. Anche la stragrande maggioranza dei dipendenti degli uffici pubblici e privati, comprese banche e uffici postali, potranno restare a casa. Le eccezioni si applicano ai settori di pubblica utilità (sanità, trasporto pubblico, polizia e vigili del fuoco) e al settore della ristorazione.

Come verrà celebrata la Giornata dell’Unità Tedesca a Berlino?

La cerimonia ufficiale per la Giornata dell’Unità tedesca si svolge ogni anno in un Land diverso, per la precisione nel Land che, quell’anno, detiene la presidenza del Bundesrat. Quest’anno tocca alla Turingia, la cui capitale Erfurt ospiterà un grande festival dal titolo “2022 – zusammen wachsen” (ovvero “2022 – crescere insieme”). Celebrazioni locali vengono però organizzate anche nel resto del Paese e Berlino non fa eccezione.

Fra gli eventi più attesi c’è lo speciale concerto della Filarmonica di Berlino, con una selezione di opere di Mozart, Mendelssohn e Tchaikovsky. All’Humboldt Forum, invece, verrà realizzata un’installazione artistica dal titolo “Il Palazzo della Memoria”, che consiste nella ri-creazione di un modello virtuale di quello che era un tempo il “Palazzo della Repubblica”, che sorgeva appunto dove ora si trova il Forum.


Leggi anche:
Muore Gorbaciov, la Germania lo ringrazia. Scholz: “Fondamentale, per l’unità tedesca”

Perché si festeggia il 3 ottobre e non il 9 novembre?

Questo è uno dei dubbi più comuni fra chi non ha dimestichezza con questa festività. La Giornata dell’Unità Tedesca, ovviamente, celebra la riunificazione della Germania come la conosciamo oggi, che ha visto l’inclusione di quella che allora era la Repubblica Democratica Tedesca (DDR, ovvero l’est) nella Repubblica Federale di Germania (BDR, ovvero l’ovest). Come tutti sanno, però, il giorno della “caduta” del Muro e quindi della fattuale apertura dei confini è stato il 9 novembre 1989. Perché, dunque, non festeggiare in quella data? Ci sono almeno un paio di motivi validi per giustificare la scelta del 3 ottobre.

In primo luogo, il 9 novembre coincide con la commemorazione della famigerata Notte dei Cristalli del 1938, ovvero la notte in cui il regime nazista scatenò un’ondata di violenza senza precedenti contro gli ebrei presenti in Germania, con omicidi, arresti e distruzione di attività commerciali e luoghi di culto. Con quella notte si fa coincidere il vero e proprio inizio delle persecuzioni antisemite nella Germania nazista e si è ritenuto di non offuscarne la commemorazione con la celebrazione di un evento storicamente più recente.

Inoltre, tornando agli accadimenti post-1989, la riunificazione vera e propria della Germania fu più lunga e complessa rispetto alla “semplice” caduta del muro. L’allora cancelliere Helmut Kohl (CDU) presentò il suo programma in dieci punti per superare la divisione della Germania e ci volle quasi un anno per completare l’assorbimento dei Länder orientali nella federazione. Solo il 3 ottobre 1990 infatti, i Länder del Brandeburgo, del Meclemburgo-Pomerania Anteriore, della Sassonia, della Sassonia-Anhalt e della Turingia entrarono effettivamente a far parte della Repubblica Federale Tedesca.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest