Ministro Kuleba chiede divieto di visto per tutti i russi e attacca Scholz: “Supportano la guerra di Putin”

divieto di visto
ll ministro degli esteri ucraino, Dmytro Kuleba. Mfa.gov.ua, CC BY 4.0 , via Wikimedia Commons

Il ministro degli esteri ucraino, Dmytro Kuleba, ha criticato il cancelliere tedesco Olaf Scholz, che ha recentemente dichiarato di non essere favorevole a un divieto di visto turistico per i cittadini russi.

Alcuni Stati baltici, ad esempio Estonia e Lettonia, hanno già inasprito le regole di ingresso in questo senso e anche la Finlandia sta valutando la stessa decisione. La commissione UE a Bruxelles, invece, si è espressa in senso contrario rispetto allo “stop ai visti” e nella stessa direzione vanno le parole di Scholz. “Questa è la guerra del presidente Vladimir Putin” ha dichiarato il cancelliere tedesco, sottolineando con queste parole il fatto che Putin non coincida con il suo intero popolo e che dunque non abbia senso negare a tutti i russi la possibilità di viaggiare al di fuori del loro Paese.


turbina

Leggi anche:
Nord Stream 1, Scholz ispeziona la turbina: “Funziona perfettamente. Ragioni addotte per gas ridotto non fondate”

Kuleba invoca il divieto di visto per tutti i russi: “Sostengono il loro presidente”

La reazione del ministro degli esteri ucraino è stata molto aspra. “Questa è la guerra della Russia, non solo di Putin” ha infatti ribadito Kuleba. “Non è Putin, ma sono i soldati russi, a venire, dalla Russia, per uccidere, torturare e distruggere” ha aggiunto, ribadendo la sua convinzione che la maggioranza della popolazione russa abbia sostenuto la guerra del suo presidente. “Di conseguenza, i turisti russi dovrebbero godersi la Russia” ha concluso in modo sprezzante Kuleba.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest