La Norvegia è il principale fornitore di gas per la Germania, ma non basta a sostituire la Russia

Norvegia

Una delle principali preoccupazioni del governo tedesco, in questo momento, è assicurare al Paese una fornitura di gas sufficiente a sopperire alla mancanza di quello Russo. La Russia, infatti, ha ridotto drasticamente le forniture di gas all’Europa e in particolare il flusso che passa attraverso il gasdotto Nord Stream 1 e il rischio di non poter garantire un’adeguata distribuzione in tutta la Germania per il prossimo inverno è più che concreto. Il gasdotto opera infatti al 20% della propria capacità. Al momento, il più importante fornitore di gas per la Germania è la Norvegia, la quale però non sarà in grado di soddisfare interamente la richiesta tedesca, pur avendo già aumentato la propria produzione di gas del 10%.

La Norvegia ha aumentato la produzione, ma non basta a sostituire del tutto il gas russo

Il primo ministro norvegese Jonas Gahr Store ha recentemente incontrato il cancelliere tedesco Olaf Scholz (SPD) a Oslo e lo ha rassicurato sul fatto che la Norvegia ha aumentato al massimo la propria produzione e intende continuare a mantenere i traguardi garantiti finora. Ha però messo in chiaro che, nel breve periodo, non sarà possibile incrementare ulteriormente la produzione e quindi le esportazioni. Per farlo, infatti, occorrerebbe avviare lo sfruttamento di nuovi giacimenti.


Leggi anche:
Nord Stream 1, Scholz ispeziona la turbina: “Funziona perfettamente. Ragioni addotte per gas ridotto non fondate”

Così come era avvenuto per il Qatar, quindi, anche la Norvegia non può diventare un partner unico per le forniture di gas naturale alla Germania – pur restando uno fra i più affidabili per regolarità della fornitura e stabilità del rapporto. E proprio la stabilità è un elemento chiave nella pianificazione di un futuro che si preannuncia assai complesso: superato questo inverno, infatti, i siti di stoccaggio dovranno essere riempiti nuovamente e il gas norvegese sarà fondamentale per riuscire a riportarli ai livelli necessari in previsione dell’inverno successivo.

Al momento, circa il 20% del gas importato dai Paesi dell’Unione Europea arriva dalla Norvegia. La percentuale, in Germania, arriva al 30%.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest