Nuovo sciopero Lufthansa: mercoledì si prevedono ritardi e cancellazioni

sciopero lufthansa

Ancora cancellazioni e ritardi previsti per il traffico aereo in Germania a cause di uno sciopero. Lufthansa prevede gravi disservizi per la giornata di mercoledì, dal momento che il sindacato Ver.di ha invitato i circa 20.000 dipendenti della compagnia aerea che effettuano il servizio a terra a uno “sciopero di avvertimento” a partire dalle 3.45 del mattino a fino alle 6 del giorno successivo.

La mobilitazione dovrebbe coinvolgere diverse aziende controllate da Lufthansa, fra le quali Lufthansa AG Boden, Lufthansa Technik e Lufthansa Cargo, in tutte le sedi dell’azienda, come Francoforte sul Meno, Düsseldorf, Colonia, Amburgo, Monaco e Berlino.


Leggi anche:
Aeroporti tedeschi: la crisi continuerà per tutta l’estate

 


Lo sciopero Lufthansa segue una contrattazione sindacale fallita a metà luglio

I motivi della sollevazione sindacale sono da ricercare nei fallimenti della contrattazione collettiva che, nella tornata di metà luglio ad Amburgo, non ha prodotto alcun risultato. Fra le richieste di Ver.di c’è un aumento del 9,5% nello stipendio annuo di tecnici, personale di terra e addetti alla logistica – parte delle categorie che prenderanno parte allo sciopero e senza le quali non è possibile garantire il normale andamento del traffico aereo. A luglio, Lufthansa aveva fatto un’offerta ritenuta insufficiente dal sindacato, poiché offriva solo una parte di importi fissi, mentre un’altra frazione dello stipendio veniva legata ai risultati, calcolati su un periodo di 18 mesi.

Lo scontento del personale di terra degli aeroporti tedeschi è dovuto in realtà a una pluralità di fattori. Lo stipendio è senza dubbio uno degli elementi di stress che spingono il sindacato alla mobilitazione, specie alla luce della recente crescita dell’inflazione, ma anche il congelamento dei salari per tre anni e la grave carenza di personale in questa fase di ripresa dei viaggi, con conseguente superlavoro per i dipendenti rimasti, hanno contribuito a scaldare gli animi.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here