Chiusura del G7: Scholz evita la domanda di una giornalista e viene tacciato di arroganza

Kremlin.ru, CC BY 4.0 , via Wikimedia Commons

La conferenza stampa di chiusura del G7 a Elmau, in Baviera, si è conclusa con un momento che ha attirato diverse critiche sul cancelliere tedesco Olaf Scholz, tacciato di arroganza e ineducazione.

A una domanda di una giornalista di Deutsche Welle, infatti, il “padrone di casa” ha risposto in modo evasivo e, a detta di molti, totalmente irrispettoso.


Leggi anche:
Dopo le vacanze, nelle scuole di Berlino, test quotidiani per una settimana

Olaf Scholz tacciato di arroganza: evita la domanda di una giornalista

Il G7 di Elmau si è concluso con una dichiarazione congiunta in cui i Paesi coinvolti hanno promesso all’Ucraina ampie garanzie di sicurezza, non solo in relazione all’emergenza di questo momento, ma anche in vista di future possibili aggressioni e nella direzione di un futuro libero e democratico.

Si è tenuta quindi una conferenza stampa, in cui si è verificata una dinamica che ha destato grande imbarazzo, soprattutto nella cerchia vicina al cancelliere. 
Ricollegandosi in particolare al discorso di Olaf Scholz, che ha ribadito quanto i Paesi del G7 debbano restare uniti al fianco di Kiev, la giornalista di DW Rosalia Romaniec ha infatti chiesto se Scholz se potesse essere più specifico sulle garanzie di sicurezza promesse dalla Germania.

La reazione di Romaniec: “Che vergogna, cancelliere”

“Sì, potrei” ha risposto il leader social-democratico, per poi sorridere e restare in silenzio. Quando è apparso chiaro che non avrebbe aggiunto altro, si sono sentiti commenti e risatine e a quel punto il cancelliere ha commentato con “Tutto qui”, di fatto rendendo esplicito che non avrebbe detto altro.

La reazione di Romaniec non si è fatta attendere. “Che vergogna, Cancelliere. Quando ho imparato il tedesco, mi è stato consigliato di usare la forma di cortesia per le conferenze stampa” ha scritto la giornalista su Twitter.

Critiche sono arrivate anche dalla stampa tedesca. “Non riusciamo a capire a cosa pensasse il Cancelliere Scholz quando ha dato questa risposta. Quanto accaduto non è divertente, è solo arrogante nei confronti di un giornalista straniero” ha commentato ad esempio Markus Grill, capo reporter di NDR e WDR.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest