Auto sulla folla a Charlottenburg: il responsabile segnalato più volte dalla polizia

uccise la figlia
PolizeiBerlin, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons

Sono stati resi noti maggiori dettagli sull’incidente che ha visto un’auto travolgere i passanti a Berlino e causare una vittima e decine di feriti.

In particolare è più chiaro il profilo del responsabile, un 29enne di origine armena arrestato subito dopo l’incidente.

 Il responsabile era già noto per precedenti di tipo psichiatrico ed era stato segnalato più volte per episodi di violenza domestica.


Leggi anche:
Auto sulla folla a Berlino: il responsabile è un 29enne. Morta un’insegnante di 51 anni

Il 29enne alla guida dell’auto che ha travolto la folla Berlino era stato segnalato più volte

A tre giorni alla tragedia che ha visto un’auto travolgere la folla Berlino, causando la morte di un’insegnante, ferendo gravemente 14 alunni e un altro docente, più altri 17 passanti, emergono nuovi dettagli sull’autore del gesto.

Il 29enne responsabile, infatti, Gor H., si era registrato per la prima volta come residente a Berlino nel 2005, era diventato cittadino naturalizzato nel 2015. A partire da dal 2013, era stato ripetutamente segnalato dalla polizia berlinese al servizio psichiatrico sociale di Charlottenburg-Wilmersdorf, distretto in cui viveva con la madre e la sorella. Spesso, per casi di violenza domestica.

Da allora, il servizio in questione se ne era occupato più volte, l’ultima nel 2020. In quell’anno era stato ricoverato in seguito a un episodio che lo aveva portato a essere classificato come un “grave pericoloper sé e per gli altri. Non sono disponibili ulteriori dettagli e non si sa cosa sia successo in seguito alle sue dimissioni dalla clinica. Tra il 2020 e il 2022 non ci sarebbero più state segnalazioni.

Giovedì, su richiesta dell’ufficio del pubblico ministero, è stato disposto il ricovero in un reparto psichiatrico. Le condizioni psichiatriche di Gol H., che secondo la procura è affetto da schizofrenia paranoide, sono state dichiarate incompatibili con la custodia cautelare,

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest