Verdi trionfano nel Nord Reno-Westfalia, male l’SPD: un segnale per Olaf Scholz?

Nord Reno-Westfalia
Mona Neubaur. Photo credits: BidenAndHarris, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons

Le elezioni nel Nord Reno-Westfalia, il Land tedesco più popoloso della Germania e il quarto per superficie, hanno visto trionfare i Verdi. Il partito della ministra degli esteri Annalena Baerbock, infatti, arriva quasi a triplicare i voti del 2017 e con il suo 18,2% è il vincitore indiscusso di queste elezioni. Anche se tecnicamente si colloca al terzo posto.

Volano i Verdi, successo per la CDU, male l’SPD, i liberali e AfD

Benissimo anche per il ministro-presidente del Land, Hendrik Wüst, e per i Cristiano-Democratici, che guadagnano 2,7 punti e con un ottimo 35,7% si preparano a governare di nuovo. La CDU aggiunge questo risultato alla vittoria della settimana scorsa nello Schleswig-Holstein. Rientrano in parlamento in extremis FDP e AfD, rispettivamente con il 5,8% e il 5,5%, ed entrambi perdono terreno rispetto al 2017 (2 punti in meno per AfD e 6,7 per i liberali, praticamente un disastro). Bruciante sconfitta anche per l’SPD, che si ferma al minimo storico del 26,7% e perde 4,5 punti. La Linke si arena al 2,1% (e perde 2,8 punti).


macron

Leggi anche:
Scholz e Macron a Berlino verso la de-escalation: “Ma l’Ucraina deve dettare i termini delle trattative”


Possibili scenari per il nuovo governo

Gli scenari che si prospettano, a questo punto, sono diversi. Di sicuro viene meno la trazione giallo-nera del precedente, visto il tracollo dei liberali. C’è chi pensa a una combo di vincitori, cioè Verdi e Cristiano-Democratici, ma c’è anche chi non esclude che l’SPD, per quanto sconfitta, possa rientrare nel governo, in una coalizione a semaforo simile a quella federale.

Questa possibilità è stata accolta anche dallo sconfitto Thomas Kutschaty, candidato SPD in queste elezioni, che a ntv ha dichiarato di essere pronto all’eventualità. In ogni caso i Verdi, guidati dalla candidata Mona Neubaur, sono il vero ago della bilancia e quindi un interlocutore indispensabile, nella formazione dei nuovi equilibri di governo.

La sconfitta in NRW come un messaggio al cancelliere Scholz?

A un livello più ampio, invece, gli analisti si interrogano su quanto questo risultato sia da considerare come un segnale inviato al cancelliere Olaf Scholz, che ha partecipato attivamente alla campagna elettorale in NRW.

Il fronte della speculazione politica, in questo senso, si divide. C’è chi pensa che Scholz stia pagando i suoi tentennamenti, veri o presunti, relativi al sostegno militare dell’Ucraina e chi ritiene che questa sconfitta, al contrario, sia legata a preoccupazioni sul riarmo che affliggerebbero una parte della base elettorale dell’SPD. La teoria che il risultato delle elezioni nel Nord Reno-Westfalia sia il frutto di scelte del cancelliere sulla questione ucraina, tuttavia, è negata in ogni caso sia dal co-leader dell’SPD, Lars Klingbeil, che dal segretario generale, Kevin Kühnert.

Intanto il leader dell’opposizione, Friedrich Merz, giubila sia per il risultato dei Cristiano-Democratici in NRW e Schleswig-Holstein, sia per la sconfitta del rivale e dell’SPD. Alla luce dei fatti e del momento, Merz definisce la CDU il “partito numero 1 in Germania”.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest