Psicoterapia in Germania, i lunghi tempi di attesa: prima di ottenere aiuto, possono volerci mesi

Canva pro

Quanto si deve aspettare per poter avere un supporto? Un sondaggio di rbb mostra tempi di attesa decisamente lunghi.



Le associazioni di categoria protestano, chiedendo tempi più brevi e una maggiore copertura da parte delle assicurazioni sanitarie.


aumento dei costi

Leggi anche:
Assicurazione sanitaria, contributi più alti dal 2023: entro maggio l’annuncio di Latuerbach

Il sondaggio di rbb: tempi di attesta molto lunghi, prima di accedere alla terapia

Ricevere un sostegno psicologico in Germania può diventare complicato, considerando i tempi di attesa che intercorrono tra il momento in cui si effettua la richiesta e il momento in cui si ottiene la prestazione medica. Secondo la Camera Federale degli Psicoterapeuti, circa il 40% dei pazienti aspetta almeno dai tre ai nove mesi per iniziare la terapia.

Mercoledì un sondaggio realizzato dall’emittente rbb24 ha inoltre confermato la “tendenza”, rivelando come in più della metà degli studi medici considerati si debba aspettare a lungo, per accedere alla terapia dopo una prima consultazione. Il sondaggio è stato realizzato telefonicamente, presso centinaia di praxis, nella primavera del 2022. Alla fine sono stati inclusi nel sondaggio i dati forniti da 123 praxis, in tutto il territorio nazionale. Differenze enormi sussistono inoltre tra aree urbane e locali. In città i tempi di attesa oscillano fino a un massimo di tre mesi, mentre in campagna parliamo addirittura di sei.

La situazione a Berlino e le proteste delle associazioni

Oltre alle 123 praxis succitate, sono state considerate altre 54 praxis operative nell’area di Berlino e del Brandeburgo e la conclusione è che, nella capitale, i tempi di attesa sono di circa un mese, ma arriviamo a tre nel Brandeburgo.

Le associazioni nazionali di psicoterapeuti protestano fortemente, chiedendo maggiore copertura del servizio da parte delle assicurazioni sanitarie e la riduzione dei tempi di attesa dei pazienti. Attendere da uno a sei mesi per poter ottenere un posto in terapia è infatti inconcepibile, se si considerano le emergenze di chi vive una situazione di crisi e ha bisogno di un intervento tempestivo. “Se si ha bisogno di una terapia, non si può aspettare così a lungo” conferma lo psichiatra e psicoterapeuta Arno Deister, docente all’Università di Kiel. Oltretutto, ai tempi già lunghi, si deve aggiungere anche quello di attesa per arrivare a una prima consultazione, allo scopo di ottenere una diagnosi.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest