Olio di semi di girasole vietato ai minori: fa discutere una filiale tedesca della Lidl

vietato ai minori

Una filiale tedesca della catena dei supermercati Lidl ha guadagnato rapidamente popolarità nazionale con un provvedimento singolare: ha vietato ai minori la vendita di olio di semi di girasole.

Il provvedimento, che sembra assurdo soltanto se non se ne capisce la logica, è stato tuttavia ritirato dalla direzione generale della catena.


olio di girasole

Leggi anche:
Germania, l’effetto della guerra in Ucraina sull’acquisto di olio di colza e farina

Caccia all’olio di semi di girasole nei supermercati tedeschi

In un momento in cui la guerra in Ucraina sta producendo effetti sui prezzi e sulla disponibilità di diversi beni di consumo, l’olio di semi di girasole e l’olio di colza sono in cima alla lista dei prodotti che tendono a sparire dagli scaffali. L’accaparramento è andato avanti in diversi supermercati, nonostante il monito dell’Associazione federale del commercio alimentare tedesco (BVLH), che ha invece esortato i consumatori a non comportarsi in modo irragionevole.

Per contrastare questa tendenza, molti supermercati hanno quindi introdotto dei limiti di vendita, consentendo, ad esempio, l’acquisto di una sola bottiglia di olio di girasole per famiglia. Diverse famiglie, tuttavia, hanno cercato di aggirare la misura mandando alla cassa con una bottiglia i propri figli, uno alla volta. Vanificando, di fatto, il tentativo di ostacolare l’acquisto compulsivo del prodotto. Cosa fare, allora?

Olio di semi di girasole vietato ai minori: una misura contro l’accaparramento

Per questa ragione una filiale della Lidl di Norderstedt, nello Schleswig-Holstein, ha risolto il problema vietando ai minori la vendita di olio di girasole. Ovviamente il provvedimento era troppo bizzarro per non rimbalzare sulle piattaforme social, tra il divertimento di alcuni, la solidarietà di altri, che lo hanno ritenuto giusto, e le perplessità di chi lo ha invece ritenuto illegittimo.

Ad ogni modo, la direzione generale della catena ha infine preso posizione contro la filiale di Norderstedt e ritirato il provvedimento, scusandosi con i clienti. “L’incidente descritto si è verificato per un breve periodo ed esclusivamente nella filiale in questione” ha spiegato la catena in un comunicato ufficiale, per poi chiedere la comprensione dei clienti, scusandosi per gli inconvenienti causati.

facebook
Twitter
Pinterest