Berlino, lite tra vicini degnera in rissa familiare: interviene la polizia, un ricoverato

trovato morto israeliano bambino re di Israele sparatoria taglio
Kevin.B, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons

Lunedì sera c’è stato un gran trambusto in quel di Tempelhof, dove una lite tra vicini ha subito un’escalation che ha finito per coinvolgere la polizia.

Le forze dell’ordine hanno fornito una precisa dinamica dello scontro nella giornata di martedì. Oltre alle due persone coinvolte, pare che durante gli accertamenti della polizia stessero per scontrarsi anche le loro famiglie.


Leggi anche:
Italiano a 300 all’ora in fuga dalla polizia tedesca. La giustificazione: “Non vi avevo visto”

Lite tra vicini degenera a Berlino: i fatti

Tutto è iniziato intorno alle 19.45, quando un uomo di 25 anni, a Tempelhofer Damm, ha avvicinato un trentenne per poi prenderlo a pugni in faccia. Il trentenne ha reagito trattenendo la testa dell’aggressore in una morsa. Ad assistere alla scena, un poliziotto fuori servizio, che ha cercato di calmare gli animi. Pare che il 25enne, tuttavia, lungi dal venire a più miti consigli, sia diventato più aggressivo e abbia attaccato il poliziotto, ricevendo a sua volta un pugno sul viso.

Nel corso delle successive indagini condotte dagli agenti, si sono quindi presentati alcuni familiari dei due uomini, per un totale di circa dieci persone. I membri di entrambe le famiglie avrebbero cominciato rapidamente a insultarsi e lo scontro fisico sarebbe stato impedito unicamente dall’intervento degli agenti, rispetto ai quali alcuni individui avrebbero esercitato resistenza. Un supplemento di poliziotti, chiamati sul posto per contenere la lite, ha fatto rientrare l’emergenza e i due protagonisti dello scontro iniziale sono stati infine presi in custodia. Il 25enne ha dovuto ricorrere a cure ambulatoriali in ospedale. È stato intanto aperto un fascicolo per aggressione, resistenza a pubblico ufficiale, ingiurie e minacce.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!