L’eurodeputato che gioì per la morte di Sassoli diventa capogruppo: è Nicolaus Fest di AfD

nicolaus fest
Elekes Andor, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons

A gennaio aveva insultato David Sassoli, appena morto. Oggi Nicolaus Fest è stato scelto come capogruppo dagli eurodeputati di AfD e diventa quindi il leader del partito in Europa.

Nicolaus Fest è il nuovo capogruppo di AfD in Europa

Fest succede a Jorg Meuthen, che si è recentemente dimesso da AfD parlando di un inesorabile spostamento partito verso l’estrema destra. La scelta di Fest come capodelegazione in Europa, intanto, sta trovando ampio spazio, sia sulla stampa italiana che su quella tedesca, principalmente perché sta producendo una considerevole indignazione. Il ricordo delle orribili parole pronunciate da Fest all’indirizzo dell’appena defunto David Sassoli, infatti, è ancora fresco.


david sassoli

Leggi anche:
Dopo le vacanze, nelle scuole di Berlino, test quotidiani per una settimana

Le frasi orribili di Fest su David Sassoli

Subito dopo la comunicazione della tragica morte del presidente del parlamento europeo, Nicolaus Fest aveva infatti commentato in un gruppo whatsapp di eurodeputati di AfD con la frase “Finalmente quello sporco maiale se ne è andato“. Fest aveva inoltre definito Sassoli un “antidemocratico” e “una vergogna per qualsiasi idea parlamentare”. Travolto dalle polemiche, aveva dichiarato all’epoca che quelle frasi si legavano a un giudizio più articolato sul politico Sassoli, che secondo Fest avrebbe coperto presunti scandali legati ad alcuni eurodeputati. Aveva inoltre aggiunto che in una chat interna i toni sono sempre più diretti che nel dibattito pubblico e definito “deplorevole” il fatto che gli screenshot fossero trapelati.

Subito dopo, AfD aveva espresso scuse pubbliche per la scelta “inappropriata” delle parole di Fest e Meuthen aveva definito le frasi divulgate “inquietanti, profondamente ripugnanti e imperdonabili“. Dal canto suo, Fest aveva condiviso le scuse e aveva detto, riferendosi a Sassoli: “Se fosse ancora vivo, mi scuserei con lui“.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest