Certificato di vaccinazione sempre a portata di mano: alternative pratiche alle app

Nonostante in tutta la Germania si stiano allentando le restrizioni, sono ancora molti i contesti nei quali è necessario esibire il certificato di vaccinazione. Per andare dal parrucchiere, al ristorante o dall’estetista, ma anche per utilizzare i trasporti pubblici, sui quali vige la regola 3G. Le app più utilizzate per esibire il certificato sono la Corona Warning App, la Luca App e la CovPass App, ma tutte e tre possono presentare dei problemi pratici e logistici.

Da un lato, infatti, basta che la batteria dello smartphone si scarichi per rendere molto difficile l’accesso a qualsiasi luogo o servizio che richieda un attestato di negatività. Dall’altro, anche quando il telefono funziona perfettamente, l’uso di queste app crea spesso code e rallentamenti, dovuti ai tempi necessari per sbloccare il telefono (specialmente se si usa il riconoscimento facciale e si indossa la mascherina), avviare l’app, magari spostarsi se non si ha una buona ricezione per i dati e, infine, visualizzare e mostrare il certificato di vaccinazione o di guarigione. Esistono soluzioni alternative per velocizzare queste operazioni e per tutelarsi in caso di problemi di funzionamento del telefono, batterie scariche o malfunzionamento delle app stesse?


Leggi anche:
Berlino, abolito il 2G nei negozi, ma non solo. Resta l’obbligo di FFP2

La tessera di immunità: il certificato di vaccinazione valido in tutta Europa

Non molti sono a conoscenza di questa opzione, eppure si tratta di un documento valido in tutta Europa, che le farmacie tedesche rilasciano già da tempo. La Immunkarte è una tessera che porta stampato sul retro il codice QR relativo all’ultima vaccinazione. Questa è senza dubbio l’opzione più sicura per le emergenze, per esempio in caso di impossibilità di utilizzare il proprio smartphone. Richiederla costa poco meno di dieci Euro. L’unico lato negativo di questo documento è l’impossibilità di aggiornarlo automaticamente. Nel caso del booster, per esempio, chi ha già la tessera che certifica la seconda vaccinazione dovrà recarsi nuovamente in farmacia e pagare 7,40 Euro per l’aggiornamento.

Qualche trucco per risparmiare tempo

Per chi invece vuole semplicemente velocizzare l’accesso al certificato di vaccinazione, ci sono alcune semplici opzioni adatte a qualsiasi smartphone. La più semplice è senza dubbio fare uno screenshot del codice QR dall’apposita app e impostare quell’immagine come schermata principale del telefono, in modo da poter semplicemente mostrare il dispositivo, con lo schermo ancora bloccato, per esibire il codice quando necessario.

Se si preferisce non impostare di default questa immagine, si possono utilizzare applicazioni di creazione di widget (ce ne sono diverse sia per Apple che per Android), che permettono di selezionare alcune funzioni personalizzate, che possono essere attivate anche quando il telefono è bloccato. Risparmiare qualche minuto, in generale, può sembrare cosa da poco, ma nell’economia di una lunga coda o del rapido controllo su un mezzo di trasporto, può rendere la vita più semplice tanto all’utente quanto a chi ha la responsabilità di effettuare il controllo.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest