Portavoce politiche sanitarie CDU in imbarazzo: era a caccia mentre il Bundestag decideva il futuro degli ospedali

0
230
caccia
Borisvilo, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons

Nel settembre del 2020 il parlamento tedesco ha preso decisioni molto importanti relative alla pandemia e il 18 settembre si è riunito per decidere una legge sul futuro degli ospedali. Assente Tino Sorge, politico della CDU recentemente nominato portavoce dell’Unione in parlamento per le politiche sanitarie e in precedenza attivo nella relativa commissione.
A fare scalpore, la ragione dell’assenza: il 46enne di Magdeburgo era infatti impegnato a frequentare un corso intensivo in una scuola di caccia a Schönebeck, in Sassonia-Anhalt.

A caccia mentre il parlamento prende decisioni sulla pandemia: Tino Sorge al centro delle polemiche

Dopo una ricerca condotta su di lui dall’agenzia di stampa tedesca dpa, Sorge ha ammesso di essere stato assente per diversi giorni, a settembre e a ottobre. In particolare, il politico cristiano-democratico si è assentato durante le sessioni dell’11 settembre e dal 16 al 18 settembre, perdendo soprattutto la succitata discussione del 18, in cui era all’ordine del giorno la legge sulle strutture sanitarie tedesche. Sorge è stato assente anche il 9 ottobre, perché in quel giorno si tenevano gli esami di caccia.


collaborazione con afd

Leggi anche:
Merz sulla linea politica della CDU: “Nessuna collaborazione con AfD”

Tensione nella CDU: l’irritazione di Sven Schulze

L’episodio ha creato delle frizioni interne alla CDU. Secondo fonti vicine al partito, infatti, Sven Schulze, presidente della CDU in Sassonia-Anhalt, avrebbe avuto una “seria discussione” con Sorge, già nell’autunno del 2020. Schulze ha confermato di aver avuto un confronto con il collega in seguito a una presunta “soffiata” ricevuta da Berlino, ma non ha voluto rivelare altri dettagli. “Quello che Tino Sorge ha fatto in quel periodo è una sua responsabilità come membro del parlamento” ha commentato Schulze.

Tino Sorge si scusa: “Tornando indietro, eviterei”

Intanto Tino Sorge si è scusato. Ha precisato che, tornando indietro, eviterebbe di far coincidere le date, ma ha anche precisato che la sovrapposizione del corso di caccia con i lavori parlamentari è stato un incidente di percorso dovuto a un rinvio da parte degli organizzatori. Originariamente, infatti, il corso era stato fissato proprio in un periodo in cui non erano previste sessioni parlamentari.

Sorge ha inoltre sottolineato che nella sua carriera parlamentare si è assentato pochissimo. “Personalmente, in più di otto anni come membro del Bundestag, sono stato assente solo in pochissimi giorni di sessione, sempre giustificato” ha commentato.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest