Tifosi dell’Hansa Rostock deridono un poliziotto morto: richiesti provvedimenti

0
99
Hansa Rostock

La stampa sportiva tedesca si sta occupando in questi giorni di quanto successo durante una partita che ha visto contrapporsi due squadre tedesche, l’Hansa Rostock e l’SV Sandhausen.

I tifosi dell’Hansa Rostock al centro della bufera

Alcuni tifosi dell’Hansa Rostock si sono infatti presentati sugli spalti con un cartello con su scritto “Uno di meno – ACAB!“, dove ACAB, com’è noto a molti, è l’acronimo dell’espressione “All the Cops are Bastards” (Tutti i poliziotti sono bastardi).

Si ritiene che invece la prima parte della scritta si riferisse a un poliziotto di Amburgo, recentemente morto, a soli 24 anni, mentre seguiva un corso di formazione nel Meclemburgo-Pomerania Anteriore. Pare che il giovane agente sia deceduto dopo un esercizio sotto sforzo.


Associazionismo sportivo (Turbine Potsdam)

Leggi anche:
Germania e Italia, due mondi a confronto. Associazionismo sportivo vs competizione elitaria?

 


Durissime le reazioni della politica e del mondo dello sport

Le reazioni sono arrivate immediatamente e sono state sia politiche che sportive. Durissima è la posizione del sindacato di polizia di Amburgo. Il presidente Thomas Jungfer ha infatti condannato “nei termini più forti possibili il disgustoso e disumano messaggio di odio di questi cosiddetti tifosi di calcio”. Ha inoltre dichiarato: “Non permetteremo che la memoria di un collega venga disumanizzata e trascinata nel fango”.

Ha espresso posizioni simili anche il senatore agli affari interni e allo sport di Amburgo, Andy Grote (SPD), che ha commentato l’episodio dicendo che “Il fatto che la morte di un giovane poliziotto sia stata apertamente accolta con soddisfazione e derisione, esprime un livello di disprezzo per l’umanità che non avevamo ancora sperimentato negli stadi tedeschi”. Ha aggiunto inoltre che non c’è spazio negli stadi per “coloro che calpestano tutti i valori dello sport e dell’umanità”.

Anche l’Hansa Rostock ha condannato apertamente il festo. Nel relativo comunicato si legge infatti: “L’F.C. Hansa Rostock desidera scusarsi con i parenti del defunto e con l’intero corpo di polizia per questa azione, che non è in alcun modo moralmente giustificabile”.

Più volte i tifosi dell’Hansa sono entrati in contrasto con la polizia, durante scontri avvenuti in occasione della partite. Intanto Jungfer ha chiesto al senatore Grote di presentare ufficialmente una denuncia, mentre anche il Comitato di controllo della Federazione calcistica tedesca ha avviato un’indagine.

(Fonte, Sport1.de)

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest