Riapertura del Berghain: almeno 19 contagiati nonostante il 2G

0
361
riapertura del Berghain

Come procede la ripresa del clubbing berlinese? Stando ai primi tracciamenti dopo la riapertura del Berghain, non diversamente dalla ripresa del clubbing nel resto della Germania. A settembre, a Münster, 80 persone erano risultate positive al Covid dopo un party 2G in una discoteca locale. Una situazione simile si è verificata a Berlino, con almeno 19 contagi registrati nel primo fine settimana di attività del più celebre techno club del mondo. A due settimane di distanza dalla data in questione, le autorità hanno già contattato circa 2500 persone, che erano presenti all’evento, per invitarle a sottoporsi al tampone rapido oppure, in caso di sintomi, a un test PCR. Le maggiori difficoltà, al momento, si presentano nel tentativo di contattare gli stranieri che hanno partecipato alla festa, dal momento che alcuni appassionati sono arrivati da diversi paesi europei per presenziare alla serata, che era percepita come “storica” nel mondo del clubbing europeo.

La riapertura del Berghain e i controlli di sicurezza: certificati verificati con attenzione

La riapertura del Berghain è stato un evento dalla fortissima portata simbolica non solo per l’industria, ma anche per il pubblico: dopo quasi due anni di chiusura, la prima serata di ripresa vera e propria dell’attività, senza mascherine né distanziamento grazie alla regola 2G, è stata vissuta come un passo significativo verso il ritorno alla normalità, nello specifico a una normalità in cui si può stare a stretto contatto con gli altri senza dover temere le conseguenze.


Leggi anche:
Il 2 ottobre si torna a ballare al Berghain: richiesto il 2G

 


Secondo quanto riportato del Berliner Morgenpost, sarebbero almeno 19 i contagi successivi all’evento e 15 dei contagiati sarebbero residenti di Friedrichshain-Kreuzberg.

Gli organizzatori dell’evento hanno fatto sapere di aver controllato attentamente i certificati di vaccinazione e guarigione. D’altra parte è ormai noto che l’infezione è possibile anche per chi risulta immunizzato e che quasi sempre, in questi casi, la malattia si contrae in forma asintomatica o pauci-sintomatica.

facebook
Twitter
Pinterest