Friedrichstraße senza auto: semaforo verde per la “Flaniermeile Friedrichstraße”

0
156
Friedrichstraße
Leonhard Lenz, CC0, via Wikimedia Commons

Lo ha annunciato sabato 15 ottobre l’amministrazione cittadina per i trasporti e per l’ambiente: Friedrichstraße rimarrà senza auto nel tratto che intercorre tra Französische Straße e Leipziger Straße. Si tratta di un esperimento che doveva terminare alla fine di ottobre, ma che invece, a quanto pare, continuerà.

Friedrichstraße senza auto: tutto è iniziato nel 2020

Il progetto era in realtà stato lanciato già nell’agosto del 2020, con il nome “Flaniermeile Friedrichstraße“, su un tratto lungo poco meno di 500 metri. Era inizialmente destinato a durare solo fino alla fine di gennaio 2021. In quella circostanza erano stati radicati alberi e installate apposite sedute ed era stata inoltre creata una pista ciclabile, con un limite di velocità di 20 chilometri all’ora. Nel gennaio 2021, il progetto pilota è stato esteso, appunto, fino alla fine di ottobre. E ora potrebbe diventare permanente.


1100 Euro auto

Leggi anche:
Berlino: 1100 Euro all’anno a chi non possiede un’auto. La proposta di un’associazione per il trasporto sostenibile

 


Il distretto di Mitte: “Si ipotizzano già ulteriori progetti”

La ragione di questa scelta è il successo registrato finora dall’iniziativa, che ha coinvolto una delle strade più importanti e note del distretto di Mitte e che nella sua prima fase è costata circa un milione di euro (lo ha confermato l’amministrazione per i trasporti all’Associazione dei contribuenti).
Le autorità distrettuali hanno dichiarato che la risposta positiva al progetto pilota ha inevitabilmente portato a una riflessione anche su ulteriori iniziative, legate ad esempio all’ottimizzazione del traffico dei veicoli di chi consegna a domicilio, ma anche a possibili strade a senso unico o alla creazione di un percorso prioritario per le biciclette, che potrebbe attraversare Charlottenstraße, correndo parallelamente a Friedrichstraße.

Solo all’inizio del 2022, quando saranno disponibili le valutazioni di questo primo progetto in rapporto ai temi del traffico, dell’economia e dell’ambiente, potranno tuttavia essere prese decisioni concrete su ulteriori cambiamenti permanenti di Friedrichstraße.

Firedrichstraße senza auto: l’entusiasmo dei Verdi

Entusiasta dell’esperimento è il sindaco di Mitte. Stephan von Dassel (Verdi) ha infatti dichiarato che Barcellona, Parigi o Vienna hanno già mostrato la direzione giusta e che “le aree cittadine senza auto sono quartieri vivaci, in cui non solo la qualità della vita dei residenti è più alta, ma che attraggono anche ospiti e visitatori, cosa che rafforza il commercio e la gastronomia locali”.
Più che positivo è anche il parere espresso dalla senatrice per i trasporti e per l’ambiente, Regine Günther (Verdi), che auspica che questo progetto pilota diventi una realtà permanente. La senatrice ha dichiarato “I risultati di questo esperimento mostrano che la stragrande maggioranza dei passanti preferisce una Friedrichstraße senza auto”.

Le critiche di CDU e FDP

Fortemente critica sul progetto è invece la CDU. Il portavoce del partito per la politica dei trasporti, Oliver Friederici, sostiene infatti che “Chiunque parli seriamente di un completo successo, auspicando la trasformazione dell’esperimento in una soluzione permanente, sta negando la realtà”. Friederici pensa infatti che il traffico automobilistico non sia sparito, ma si sia semplicemente spostato su altre strade, che la ciclabile non funzioni e che non ci sia spazio per i pedoni. La CDU chiede inoltre “ulteriori indagini e valutazioni da parte di esperti e istituti indipendenti”.

Critiche sono arrivate anche dai liberali dell’FDP. In prarticolare, Henner Schmidt, portavoce per la politica delle infrastrutture presso il parlamento cittadino, ha accusato la senatrice Günther di aver annunciato una decisione relativa a Friedrichstraße senza aspettare la discussione pubblica sui risultati finali di una ricerca specifica, costata peraltro più di 400.000 euro.

(Fonti, Berlin.de, Tagesspiegel)

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest