Germania dona più di 2 milioni di dosi di vaccino a 5 Paesi in via di sviluppo

Germania dona
Prefeitura de Itapevi, CC BY 2.0 , via Wikimedia Commons

La Germania dona dosi di vaccino a Paesi in via di sviluppo: se ne parlava da tempo, ma la procedura verrà attuata proprio in questi giorni, con più di 2 milioni di dosi iniziali destinate a 5 Paesi gravati dall’emergenza Covid.

Da tempo la Germania aveva problemi a smaltire le dosi di Astrazeneca, sempre più a rischio di divenire inutilizzabili. A causare questo stallo hanno contribuito il generale rallentamento della campagna vaccinale, ma anche, probabilmente, le particolari riserve nutrite dall’opinione pubblica verso il preparato anglo-svedese. Da qui la decisione di reindirizzare le dosi di vaccino verso altri Paesi.

Germania dona dosi di vaccino: i Paesi selezionati

Cinque sono i Paesi selezionati per ricevere Astrazeneca dalla Germania. Lunedì il governo tedesco ha annunciato che in una prima tranche verranno inviate 213.600 dosi in Afghanistan, 271.200 in Etiopia, 357.600 in Sudan, 100.800 in Tagikistan e 355.200 in Uzbekistan. I vaccini saranno distribuiti dalla piattaforma internazionale Covax.


non vaccinati

Leggi anche:
Germania, martedì vertice: quale sarà il destino dei non vaccinati?

 


Ulrike Demmer: “Stiamo combattendo anche le varianti”

La vice-portavoce del governo, Ulrike Demmer, ha dichiarato a Berlino che secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) i succitati Paesi hanno un urgente bisogno di incrementare la campagna vaccinale e che la Germania sta per fornire in questo senso un aiuto concreto. Ha inoltre aggiunto che combattere il Covid19 nei Paesi in via di sviluppo significa anche prevenire nuove varianti, che potrebbero tornare a minacciare la salute collettiva ovunque.

Entro la fine dell’anno, la Germania prevede di donare 30 milioni di dosi

L’impegno globale del governo tedesco nei confronti dei vaccini da distribuire in altre nazioni entro la fine dell’anno è relativo ad almeno 30 milioni di dosi. L’80% sarà messo a disposizione della piattaforma Covax e il 20% andrà direttamente ad altri Paesi. In Germania non arriveranno più, inoltre, forniture di Astrazeneca.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest