L’uomo che non fece il saluto a Hitler: la tragica storia di August Landmesser

0
548
saluto a hitler
1936, un uomo si rifiuta di fare il saluto nazista davanti a Hitler. Di Sconosciuto - arastiralim.net, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=20103197

Tutti fanno il saluto a Hitler ma lui no, se ne resta a braccia conserte: la foto è famosissima, ma non tutti sanno qual è la storia dell’uomo misterioso che potete vedere in questa foto. Per questo ve la raccontiamo.

August Landmesser: un amore definitivo

August Landmesser nacque ad Amburgo nel 1910. Nel 1931 entrò nel partito nazista, spinto dalla necessità di ottenere un lavoro. Poco dopo accadde qualcosa che influenzò il suo futuro e tutta la sua vita: si innamorò di Irma Eckler, una ragazza ebrea, e i due decisero di sposarsi nel 1935.

saluto a Hitler
Tavola illustrata della Legge sulla Protezione del sangue, contenuta nelle Leggi di Norimberga e relativa al divieto di unione tra tedeschi ed ebrei. German Government (“Entwurf Willi Hackenberger”, “Copyright by Reichsausschuß für Volksgesundheitsdienst”, government agency apparently part of the Reichs- und Preußisches Ministerium des Innern) – United States Holocaust Memorial Museum Collection, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=6720584

In quello stesso anno, tuttavia, furono promulgate le famigerate Leggi di Norimberga, che proibivano le unioni tra tedeschi e persone appartenenti alle cosiddette “razze inferiori”. Di conseguenza le pubblicazioni del matrimonio tra August e Irma non furono accettate dall’ufficio del registro del comune di Amburgo.

In seguito a questo evento, August venne espulso per indegnità dal partito nazista. Tuttavia non smise di restare a fianco di Irma, dalla quale quello nello stesso anno ebbe una bambina, Ingrid. Sia a Ingrid che alla seconda figlia, Irene, venuta alla luce nel 1937, non venne riconosciuto il cognome paterno ed entrambe assunsero quello della madre.

Le Stolpersteine (pietre di inciampo) di August Landmesser e Irma Eckler. Von David Machno – Eigenes Werk, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=70257026

Il rifiuto del saluto a Hitler

Il 13 giugno 1936 ci fu, presso il cantiere Blohm+Voss di Amburgo, l’importante varo di una nave scuola della marina militare tedesca, la Horst Wessel. Alla cerimonia era presente persino Adolf Hitler e tutte le autorità e gli operai presso l’arsenale navale furono immortalati in una fotografia mentre gli facevano il saluto. Tutti tranne uno, che restò invece a braccia conserte. Un gesto decisamente provocatorio e sicuramente radicale, vista l’epoca e il contesto.

Questa fotografia fu ritrovata solamente nel 1991 e venne pubblicata nel marzo dello stesso anno dal quotidiano tedesco die Zeit. Fu quindi esposta nel centro di documentazioneTopografia del terrore”, presso il vecchio quartier generale della Gestapo a Berlino.


Topografia del terrore

Leggi anche:
Topografia del Terrore: il museo di Berlino che sorge sui luoghi del nazismo

 


Chi è l’uomo nella foto?

La mostra berlinese “Topografia del terrore” presume, nel testo esplicativo della foto, che la persona con le braccia incrociate sia “presumibilmente August Landmesser“. Anche Irene, la figlia di Landmesser, asserì di aver riconosciuto il padre nella stessa foto.

L’identità del soggetto, tuttavia, è tutt’altro che pacificamente acclarata. Diversi storici infatti sostengono che l’uomo non sia Landmesser, ma Gustav Wegert, un operaio metallurgico che lavorava per la Blohm+Voss nello stesso periodo e che rifiutava abitualmente il saluto a Hitler per motivi religiosi.

I sostenitori di questa teoria ritengono che, esaminando la celebre foto e poi le foto di famiglia dei due uomini, Wegert sarebbe molto più somigliante di Landmesser all’anticonformista con le braccia incrociate immortalato nel 1936.

Quale che sia la verità, torniamo alla drammatica storia di August e Irma.

Saluto a Hitler
August Landmesser

La fuga fallita e il processo per “profanazione razziale”

Nel 1937 August Landmesser e Irma Eckler cercarono di fuggire illegalmente in Danimarca, ma vennero fermati al confine e arrestati. Nel luglio del 1937 fu avviato contro Landmesser un procedimento per “profanazione razziale”.

Landmesser fu detenuto preventivamente nel penitenziario di Fuhlsbüttel, ad Amburgo, e quindi affrontò un processo. Riuscì a sostenere in modo credibile che né lui né Irma Eckler avessero nozione del fatto che la donna fosse “totalmente ebrea”. Di conseguenza fu assolto nel 1938 per mancanza di prove, ma fu anche avvertito che se avesse perseverato nel portare avanti la relazione, avrebbe pagato con il carcere.

saluto a Hitler
Parata nazista, 1936. Bundesarchiv, Bild 183-S07227 / CC-BY-SA 3.0, CC BY-SA 3.0 DE <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/de/deed.en>, via Wikimedia Commons

Il secondo arresto di August e la triste fine di Irma

Per Landmesser lasciare Irma non fu mai un’opzione e la relazione continuò, anche in pubblico. Di conseguenza l’uomo fu processato di nuovo, sempre nel 1938, e venne a quel punto condannato a due anni e mezzo di prigione, da scontarsi del campo di Börgermoor, nell’Emsland, in Bassa Sassonia.

Tre giorni dopo Landmesser, anche Irma Eckler fu arrestata dalla Gestapo per “profanazione razziale” e inviata presso l’istituto penale di Fuhlsbüttel, dove la donna partorì Irene, la seconda figlia. Da lì fu trasferita presso il campo di concentramento femminile di Lichtenburg, chiuso nel 1939, e poi presso il campo di concentramento femminile di Ravensbrück.


Ravensbrück

Leggi anche:
Ravensbrück: gli orrori dimenticati del campo di concentramento femminile vicino a Berlino

 


Si presume che Irma Eckler sia stata infine portata in una struttura psichiatrica a Bernburg, in Sassonia Anhalt, e lì sottoposta a eutanasia forzata nel febbraio 1942. Irma Eckler fu dichiarata legalmente morta nel dicembre del 1949.

La fine di August Landmesser

Landmesser, che intanto aveva scontato la sua detenzione a Börgermoor, fu scarcerato all’inizio del 1941 e collocato come operaio presso la filiale di Warnemünde dell’azienda di trasporti Püst. Fu quindi costretto, nonostante i precedenti, ad arruolarsi nella Wehrmacht e a partire per la guerra.

Fu assegnato alla Strafdivision 999, unità di disciplina composta principalmente da soldati condannati dalla corte marziale o pregiudicati e morì pochi anni dopo a Stagno, in Croazia, durante un attacco. Il suo corpo non venne mai ritrovato e anche August, come Irma, venne dichiarato legalmente morto nel 1949.

Nel 1951 le scuse di Amburgo

Nel 1951 il senato di Amburgo decise di riconoscere il matrimonio tra August Landmesser e Irma Eckler. Le due figlie, Ingrid e Irene, ottennero inoltre il cognome del padre, anche se Irene decise di continuare a chiamarsi Eckler.

Ingrid e Irene riuscirono a ricongiungersi solo dopo la guerra. Durante la triste vicenda che separò i loro genitori, infatti, anche le due sorelle furono divise. Ingrid fu cresciuta dalla nonna paterna, mentre Irene fu prima collocata in un orfanotrofio e in seguito affidata ad altri parenti. Fortunatamente, dopo la tragica fine di August e Irma, le due bambine riuscirono a ricongiungersi.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest