AfD sceglie l’ultradestra di Alice Weidel e Tino Chrupalla per le elezioni federali

0
575
Alice Weidel e Tino Chrupalla
Alice Weidel e Tino Chrupalla, candidati di punta di AfD in vista delle elezioni federali di settembre. © Superbass / CC BY-SA 4.0 (via Wikimedia Commons), CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons. TC2021, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons

La scelta di Alice Weidel e Tino Chrupalla conferma quanto si era già capito durante il congresso di AfD di Dresda: il partito vira ancora più a destra.


ala estremista

Leggi anche:
Germania, prevale l’ala estremista di Afd. Approvato a Dresda il nuovo programma

 


Sconfitta la corrente moderata di Jörg Meuthen

I due nuovi candidati di punta, che rappresenteranno AfD alle elezioni di settembre, sono infatti collegati alla corrente di Björn Höcke, leader del partito in Turingia e dell’area estremista di AfD, mentre gli sconfitti, il membro del parlamento dell’Assia Joana Cotar e l’ex generale dell’aeronautica Joachim Wundrak, sono legati alla corrente più moderata e liberale di Jörg Meuthen.

La scelta è avvenuta su una base di 32000 votanti potenziali, che sono stati chiamati a individuare la loro preferenza a partire dal 17 marzo. I votanti effettivi, tuttavia, sono stati 14.815, il 48,14% del totale. Alice Weidel e Tino Chrupalla hanno vinto con il 71,3% delle preferenze, mentre Joana Cotar e Joachim Wundrak hanno ottenuto il 27,04 %. L’1,93% dei votanti ha votato “no”, mentre lo 0,58% si è astenuto.

Alice Weidel e Tino Chrupalla
Jörg Meuthens. Robin Krahl, CC BY-SA 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0>, via Wikimedia Commons

Con Weidel e Chrupalla prevale la Germanexit

I media tedeschi si chiedono quanto gioco avrà ora Meuthen, nel tentare di promuovere le sue istanze, che già a Dresda avevano subito un forte contrasto.

Oltre alle questioni interne, rileva la questione dell’uscita della Germania dall’Unione Europea, che l’ala estremista caldeggia fortemente. Lo stesso Chrupalla, uno dei due candidati vincitori, si oppone anche solo all’idea di una riforma dell’istituzione europea, perché “Non si può cavalcare per sempre un cavallo morto“.

Alice Weidel e Tino Chrupalla
Beatrix von Storch. Sandro Halank, Wikimedia Commons, CC BY-SA 4.0, CC BY-SA 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0>, via Wikimedia Commons

Jörg Meuthen si è congratulato con i vincitori, augurando loro ogni successo nel compito di “rappresentare AfD, nei prossimi mesi, come i principali rappresentanti della nostra campagna elettorale al Bundestag”. Stephan Brandner, portavoce del partito, ha inoltre dichiarato su Twitter che i due candidati di punta possono contare sul sostegno di un partito unito e compatto, dietro di loro.

“E ora procediamo uniti, rafforzati e compatti in questa campagna elettorale”, ha scritto invece Beatrix von Storch, blasonata vicepresidente del partito dal 2019, membro del Bundestag e nipote di Ludwig “Lutz” Graf Schwerin von Krosigk, ministro delle Finanze di Adolf Hitler e ultimo Capo di governo del Terzo Reich.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest