Kristin Brinker è la nuova leader di AfD a Berlino.

Kristin Brinker Martin Rulsch, Wikimedia Commons, CC BY-SA 4.0, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons

Sabato scorso l’AfD di Berlino ha eletto una nuova leader: si tratta di Kristin Brinker, che ha superato per 122 voti, al quarto scrutinio, la vicepresidente federale del partito e del suo gruppo parlamentare, Beatrix Von Storch. La competizione fra le due candidate è stata particolarmente accesa e ha evidenziato ulteriormente le forti divisioni all’interno del partito.


Afd

Leggi anche:
AfD sotto sorveglianza federale: non rispetta i principi della democrazia

Kristin Brinker ha dichiarato di voler unificare il partito e già in passato aveva sostenuto la necessità di rendere l’immagine di AfD meno dura e più rassicurante per l’elettorato. È generalmente considerata una rappresentante dell’ala più liberale del partito, del quale ha sempre apertamente sostenuto soprattutto le politiche economiche – come l’opposizione alla strategia di salvataggio dell’Euro. Ciononostante, la sua candidatura è stata sostenuta apertamente dalle frange più estreme del partito, tanto che Georg Pezderski, più vicino a Von Storch, ha definito Brinker un “burattino” dell’ormai sciolta fazione radicale “der Flügel”.

Chi è Kristin Brinker

Originaria di Bernburg, la quarantanovenne Kristin Brinker ha focalizzato gran parte della sua attività sulle politiche finanziarie. Ha anche sostenuto che AfD abbia un problema di immagine e che la comunicazione troppo aggressiva allontani una parte dell’elettorato: l’alternativa sarebbe una presentazione del partito più “femminile” e più “affascinante”. Chi volesse paragonare la sua vittoria elettorale alla recente elezione di Janine Wissler e Susanne Hennig-Wellsow come leader di Die Linke e parlare di quote rosa all’interno dell’AfD, tuttavia, non incontrerebbe il favore della neoeletta Brinker, che ha sostenuto con convinzione la linea dura del partito contro la legge sulla parità di rappresentanza delle donne in politica.


Afd

Leggi anche:
Elette le nuove leader della sinistra tedesca: sono Janine Wissler e Susanne Hennig-Wellsow

All’interno del partito, Kristin Brinker è stata a lungo considerata la rivale di Pazderski, la cui fazione aveva accusato di creare un clima “distruttivo e di scarsa fiducia all’interno del partito”. D’altra parte la rivalità con Pazderski si estende, per così dire, all’intera famiglia Brinker, dal momento che il marito di Kristin, Günter Brinker, è stato leader dell’AfD di Berlino fino al 2016 ed è stato sostituito proprio dal duo Pazderski-Von Storch.

Pazderski ha poi occupato tale ruolo fino al 2020, quando l’impossibilità di trovare una sede per organizzare le primarie del partito ha obbligato l’AfD di Berlino ad affidare la direzione ad interim a Nicolaus Fest.

facebook
Twitter
Pinterest