Germania: i medici di base potranno vaccinare con Biontech/Pfizer

0
227
medici di base

A partire dal sette aprile, i medici di base tedeschi inizieranno a vaccinare i pazienti contro il Covid-19. Nelle intenzioni del governo, questo ulteriore passo dovrebbe contribuire a rendere più spedita la campagna vaccinale, anche se la quantità di dosi prevista per la prima consegna è talmente irrisoria da rendere questa affermazione quantomeno prematura. Si parla infatti di poco meno di un milione di dosi da distribuire a livello nazionale nella settimana dopo Pasqua, il che permetterà a ogni studio di somministrare fra le 18 e le 50 dosi.


Via libera ad Astrazeneca

Leggi anche:
Astrazeneca nasconde 30 milioni di dosi all’UE. Clamore anche in Germania

 


Per il momento, secondo quanto si legge in un comunicato ufficiale dell’associazione dei medici convenzionati con le casse mutue (KBV), ai medici di base verrà consegnato soltanto il vaccino Biontech/Pfizer. Questa scelta ha causato non poco stupore, dal momento che il prodotto più semplice da trasportare e conservare è quello di AstraZeneca, che può essere tenuto anche in frigoriferi standard. Biontech/Pfizer, tuttavia, è il produttore che consegnerà la maggior quantità di vaccini durante le prime due settimane di aprile, mentre la fornitura di AstraZeneca e Moderna è molto più ristretta. Per questo motivo i preparati degli altri due produttori verranno smistati nei centri vaccinali che già li distribuiscono, al fine di garantire la somministrazione della seconda dose a coloro che hanno già ricevuto la prima. Inoltre i tempi di consegna di Biontech/Pfizer sarebbero più regolari e affidabili rispetto a quelli di AstraZeneca.

Si prevede che le forniture destinate ai medici di base vengano aumentate e diversificate, con l’inserimento di altri preparati, nel corso del mese di aprile.

Ai dubbi sulla possibilità da parte dei medici di base di conservare correttamente le dosi di vaccino Biontech/Pfizer ha risposto una recente delibera dell’EMA, che ne ha autorizzato lo stoccaggio per due settimane a temperature comprese fra i meno 15 e i meno 25 gradi e non più, come precedentemente ritenuto, a un minimo di meno 70 gradi.