Coronavirus a Berlino, dal 3 ottobre regole più severe. Il sindaco Müller: “La leggerezza estiva è un capitolo chiuso”

0
102
Coronavirus a Berlino
Coronavirus a Berlino

Coronavirus a Berlino, dal 3 ottobre regole più severe. Il sindaco Müller: “La leggerezza estiva è un capitolo chiuso”

di Alessia del Vigo

A seguito dell’assemblea federale tenutasi martedì scorso, Michael Müller, il sindaco di Berlino, ha deciso di intervenire per prevenire la diffusione del Covid-19 con misure più stringenti, rispetto a quelle decise a livello comune per tutti i Bundesländer.

Vediamole nel dettaglio:

• Obbligo di indossare la mascherina negli uffici pubblici e privati sempre, tranne che alla propria scrivania
• Limite del numero massimo di invitati a feste o celebrazioni private, 25 in spazi chiusi, 50 all’aperto
• Obbligo da parte di chiunque inviti più di 10 persone a casa propria di redigere una lista dei presenti, sulla falsariga di ciò che già si fa nei locali pubblici
• Introduzione di una multa che ammonti ad almeno 50€ per chi rilascia false generalità all’ingresso di un locale pubblico. La controversia è che si prevede una multa anche per il gestore, che dovrebbe impegnarsi a verificare la plausibilità dei dati forniti dagli ospiti.
• Diretta correlazione tra l’incidenza di nuovi casi ogni 100.000 abitanti e le misure relative alle celebrazioni private. Quanto sopra citato vale per un indice di 35 nuovi casi ogni 100.000 abitanti nel lasso di tempo di una settimana. Qualora si dovessero rilevare 50 nuovi casi per 100.000 abitanti, verrebbe ristretto il campo a 10 invitati in spazi chiusi e 25 all’aperto, sempre con obbligo di lista.

Per citare le parole della senatrice Ramona Pop (Verdi): “La leggerezza estiva è un capitolo chiuso”.
Martedì si sono registrati 173 nuovi casi, mentre a inizio settembre la media era di 71, e ad Agosto di 45.

Photo by boellstiftung

Ma quali sono i numeri del Coronavirus a Berlino, nel dettaglio? Al momento si registrano 28,9 infezioni per 100.000 abitanti ogni sette giorni, ma come ha sottolineato il sindaco di Berlino, bisogna monitorare ed essere cauti, per evitare di gettare al vento quanto fatto finora.

Berlino continua a orientarsi secondo il “metodo dei semafori“, che sembra essere una valida linea guida per la prevenzione, tanto che altri Bundesländer ne stanno seguendo l’esempio.

In Brandeburgo si è deciso di seguire Berlino con regole più rigide, se i nuovi casi saliranno a 35 ogni 100.000 abitanti, ma per il momento se ne registrano 5,3.

Le nuove misure sono già entrate in vigore sabato 3 Ottobre, e già si pensa alle vacanze autunnali: il 12 Ottobre, primo giorno delle due settimane di riposo scolastiche preoccupa il primo cittadino, tanto da avergli già fatto diffondere il messaggio di evitare viaggi all’estero in massa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here