Cinema d’inchiesta al Mal Seh´n Kino per capire a chi appartiene la città

0
61
Foto © ND Strupler / Flickr / CC BY-SA 2.0
Foto © ND Strupler / Flickr / CC BY-SA 2.0
Foto © ND Strupler / Flickr / CC BY-SA 2.0

Bannerino_FrancoforteFrancoforte – L’espansione edilizia, il caro-affitto, la costruzione di nuove e costose infrastrutture come il Terminal 3, l’emergenza abitativa, il sorgere di movimenti popolari in opposizione alla politica speculativa edilizia sono temi che negli ultimi mesi hanno condizionato il dibattito politico e sociale a Francoforte negli ultimi mesi.

Nel contesto di questo dibattito, verrà proiettato giovedì 19 Febbraio alle ore 18:00 presso il Cinema Mal Seh´n Kino, il documentario Wem gehört die Stadt? –Bürger in Bewegung [A chi appartiene la città? Cittadini in movimento] della regista Anna Ditges.

Il documentario racconta il sorgere e lo sviluppo di un movimento popolare a Colonia in opposizione al progetto di riqualificazione economica di un vecchio complesso industriale e rende visibile il conflitto tra due logiche contrapposte e inconciliabili. Da una parte un gruppo di investitori, che ambisce ad abbattere il vecchio polo industriale per poter costruire un nuovo e avanguardistico centro commerciale. Dall’altra, i cittadini del quartiere che al contrario vorrebbero salvare, ristrutturare e destinare a uso sociale il vecchio complesso industriale, in quanto ritenuto parte integrante e storica del quartiere.

Si tratta di una vicenda che presenta numerose analogie con quella del Philosophicum a Francoforte e quindi è estremamente interessante cogliere differenze e similitudini con quanto accaduto a Colonia nonché a comprendere meglio la logica che permea lo sviluppo edilizio delle città tedesche.

Alla proiezione seguirà un dibattito, cui sarà presente anche la regista del film,. Sicuramente un’occasione da non perdere per tutti coloro che sono particolarmente sensibili alle politiche edilizia della città e vogliono costruirsi una posizione critica sul tema.

Ruggiero Gorgoglione

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte Francoforte su Facebook!