Blockupy: in arrivo 10 mila persone, gli attivisti chiedono spazi al comune

0
172
Da Facebook
Da Facebook
Da Facebook.

Bannerino_FrancoforteFrancoforte – Manca poco all’appuntamento del 18 marzo, quando ci sarà l’inaugurazione della BCE e contemporaneamente le proteste programmate dalla rete di Blockupy, intenzionata a fare di una festa privata per pochi eletti un evento collettivo in cui dimostrare il proprio dissenso nei confronti delle politiche di austerità imposte dalle autorità sovranazionali agli stati membri dell’UE.

I preparativi per questa giornata di mobilitazione europea fremono e la macchina “pubblicitaria” di blockupy per chiamare tutti protestare funziona a pieno ritmo. Secondo gli organizzatori è previsto l’arrivo di diecimila persone da tutta Europa. E’ atteso un treno speciale da Berlino e Hannover e pullman da tutta la Germania e da diversi paesi europei, tra cui non mancherà nemmeno una componente italiana che anche gli altri anni si è distinta per numero e partecipazione.

Così mentre le trattative tra Grecia e gli organismi internazionali proseguono per la Blockupy-Bündnis si è

Il flashmob di fronte al Römer. Foto da Facebook.
Il flashmob di fronte al Römer. Foto da Facebook.

presentato il problema del pernottamento degli attivisti in arrivo. Ieri una delegazione si è presentata al Römer e fuori ha improvvisato un piccolo flash-mob srotolando i sacchiapelo alla parola d’ordine “dateci gli spazi o dormiamo qui”.

Il comune è rimasto zona off-limits per la maggior parte dei presenti – per motivi di sicurezza – e solo una piccola delegazione è potuta entrare a parlare con le autorità. I manifestanti avrebbero anche voluto consegnare una lettera all’Oberbürgermeister Feldman, ma non hanno potuto.

Il punto, secondo i manifestanti, è che sarebbe un loro diritto ottenere dall’amministrazione degli spazi dove poter alloggiare le persone in arrivo, esattamente come succede per altri eventi per cui l’amministrazione non ha alcun problema a concedere scuole o palestre. Così non fosse – dicono – sarebbero costretti a occupare. Per ora una soluzione non è ancora stata trovata. All’interno del comune si registra infatti una opposizione non troppo velata della CDU alle richieste di Blockupy.

[ale.gra]

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte Francoforte su Facebook!