La migliore città al mondo per un vegano? Non c’è storia, è Berlino

0
203
© conticium / CC BY ND 2.0
© conticium / CC BY-ND 2.0
© conticium / CC BY ND 2.0
© conticium / CC BY-ND 2.0

Berlino è notoriamente una città particolarmente attenta alle esigenze di chi sceglie uno stile di vita vegano: in questo ha superato persino New York, da sempre una delle patrie della cucina vegana e cruelty-free.

Secondo gli utenti del celebre sito Happy Cow, considerato un po’ il Tripadvisor dei vegani, la capitale tedesca è oggi la migliore città al mondo per chi decide di eliminare i prodotti di origine animale dalla propria alimentazione.

«Con oltre 28 puri ristoranti vegani, Berlino sta diventando velocemente la Mecca vegana del mondo. La maggior parte dei ristoranti berlinesi elencati sul sito si trovano a 3 miglia di distanza l’uno dall’altro e sono semplici da raggiungere in metro o in bicicletta», si legge sul sito.

«In più, sembra che quasi ogni ristorante e café della città abbia sempre almeno qualche piatto vegano o almeno vegetariano messo in evidenza sul proprio menu».

Seconda in classifica si posiziona proprio New York, di cui viene sottolineata la varietà dell’offerta, mentre terza c’è Portland, la città dell’Oregon «comunemente considerata un paradiso per vegetariani e vegani».

Concludono la graduatoria San Francisco e Londra.

Berlino non è un paradiso vegano solo dal punto di vista alimentare: sono infatti sempre più numerosi i negozi che si preoccupano di offrire anche altri tipi di prodotti cruelty-free, dall’abbigliamento agli accessori, dai prodotti per la cura del corpo e della persona a quelli per la pulizia della casa e addirittura ai sex-toys. Nel caso dei cosmetici e detergenti, i prodotti cruelty-free sono quelli che, oltre a non contenere elementi di derivazione animale, non sono stati testati su animali. Nel caso di tutti gli altri prodotti, invece, si intende come “vegano” tutto ciò che non usa materiali come il cuoio o il pelo animale e che non utilizza materiali o elementi di origine animale in nessuna fase della lavorazione.