Al Römer e all’Hauptwache piovono soldi sui passanti

Foto © ArcCan/ Wikimedia Commons / CC BY-SA 3.0 / remixed by Il Mitte
Foto © Dennis Skley / Flickr / CC BY-ND 2.0 /
Foto © ArcCan/ Wikimedia Commons / CC BY-SA 3.0 / remixed by Il Mitte
Foto © Dennis Skley / Flickr / CC BY-ND 2.0

Bannerino_FrancoforteFrancoforte – Vi è mai capitato di sperare che un giorno piovessero soldi dal cielo? Bene, se qualche giorno fa vi foste trovati in piazza davanti al Roemer o sull’Hauptwache allora il vostro sogno si sarebbe realizzato. Seimila euro per l’esattezza, tremila al comune e tremila all’inizio dello Zeil sono precipitati sui passanti dopo esserestati portati in cielo da dei palloncini verdi.

A raccontarla quasi non ci si crederebbe, ma c’è una spiegazione, per quanto anch’essa possa sembrare assurda: il finanziare Joachim Ackva aveva “un po’ di soldi in più”. Ha dichiarato così e per questo ha deciso di regalarne un po’. La performance era già successa a Berlino qualche mese fa, ad Alexander Platz, alla porta di Brandeburgo e infine al Gendarmer Markt. Anche quella volta un vero successo.

Qui a Francoforte la terza location sarebbe dovuta essere l’Opern Platz, ma i bambini presenti appena hanno visto i palloncini verdi arrivare, hanno subito cercato di averli, così ad essere distribuiti alla fine sono stati solo quelli.

Il motivo di tanta generosità? Non solo liberarsi di un po’ di denaro in eccesso (la cui definizione rimane comunque piuttosto criptica, quando del denaro è proprio così fastidioso da doverlo dare via?) ma sensibilizzare la gente sul fatto che i patrimoni privati sono più che mai prima e, come dice lo stesso Ackva, una minima donazione da parte di ogni privato su un ipotetico “conto bancario mondiale” sarebbe sufficiente a raccogliere un capitale immenso da utilizzare per risolvere i problemi del mondo. I soliti: fame, povertà, guerre.

L’idea appare quantomeno utopica, ma chissà, forse potrebbe funzionare, solo il tempo ce lo dirà. Intanto, sicuramente, molti potranno sperare che il signor Ackva continui a dover sensibilizzare le persone come ha fatto fin’ora.

[ale.gra]

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte Francoforte su Facebook!

facebook
Twitter
Pinterest