Povera ma Sexy – “Pokerface”

© sfreimark / CC BY SA 2.0
© sfreimark / CC BY SA 2.0
© sfreimark / CC BY SA 2.0
© sfreimark / CC BY SA 2.0

di Nora Cavaccini*

Po-po-po-po-po-po-po-po-poker face.
Avrà sì e no undici anni; ma ancheggia come un performer navigato.
Punta il dito e passa in rassegna a suon di musica tutto il pubblico.
Saranno più di mille persone.
Lui non sbaglia una mossa. Conosce la canzone a memoria e non ha neppure bisogno di guardare lo schermo su cui scorrono le parole.
Agile e snello, come il cipresso che è davanti agli spalti, incalza ogni poker face come se non avesse mai fatto nient’altro in vita sua.
Il pubblico è in delirio. Applaude. Incita.
Il sole è alto sopra i palazzi, un gruppo di neri gioca a basket in lontananza, e per un attimo ci si sente tutti liberati, come ubriachi.
Si direbbe anzi che la vita non sia stata altro che la paziente attesa di questo momento.
Poi però Lady Gaga finisce.
Il bambino fa un inchino, la gente urla “Zugabe”, ma è già il turno del prossimo.
È una ragazza cicciotta e pallida, con le calze troppo strette.
Ha scelto di cantare All by myself.

Naviga la mappa per foto e informazioni sui luoghi che hanno ispirato il racconto.

☟⬇⬇↓☟

*Questo post è stato pubblicato originariamente su Povera Ma Sexy – Postkarten aus Berlin, un progetto di Nora Cavaccini. Segui il progetto su Facebook.

Povera Ma Sexy – Postkarten aus Berlin è un “viaggio” fisico e letterario. Un percorso che nasce dall’esperienza personale di chi scrive ma che, al tempo stesso, può rappresentare una via alternativa per scoprire la città. Per tutti coloro che, in un modo o nell’altro, ne subiscono il fascino. Berlinesi e non.

Ogni post è costituito da un breve un racconto. A ogni racconto è associata una mappa. Qui, cliccando sugli indicatori, comparirà una descrizione. Si tratta di informazioni “turistiche” che non mirano ad essere esaustive ma a collocare meglio il racconto nei luoghi che lo hanno ispirato.

facebook
Twitter
Pinterest