“I (Heart) Berlin”, un documentario racconta le 14 Berlino americane

0
145
Una still dal trailer
Una still dal trailer

Anke Schiemann, che ha prodotto il corto d’animazione “Paper Daydream”, vincitore del premio “Best Original Design” all’Animation Block Party, International Festival e del premio “Grand Jury Award – Best in Animation” al DC Independent Film Festival, ha intrapreso un viaggio alla scoperta dei discendenti tedeschi negli Stati Uniti e dell’importanza odierna delle loro origini.

Gli ultimi due secoli hanno visto circa 7 milioni di tedeschi emigrare negli USA, fondando 30 nuove città col nome di Berlino, 14 delle quali sono le protagoniste del documentario della Schiemann. Qui, la regista ha incontrato e intervistato i più disparati tipi di abitanti, dall’Ohio al Massachusetts al Texas, mostrando e documentando la cultura tedesco-americana e indagando l’importanza che hanno oggi per loro le radici genealogiche.

I (HEART) BERLIN, infatti, non è un semplice viaggio turistico alla scoperta delle altre Berlino d’America, ma uno studio sulle motivazioni che hanno spinto quei 7 milioni di tedeschi ad emigrare negli Stati Uniti, un’indagine di quello che rimane del loro legame con la Germania ed una riflessione sul concetto di identità.

Una still dal trailer
Una still dal trailer

Secondo i dati dell’Organization for Migration, oggi 214 milioni di persone nel mondo vivono in uno stato nel quale non sono nati e cresciuti: cosa li ha spinti a lasciare la propria terra d’origine, le proprie famiglie e la propria cultura per paesi distanti e sconosciuti? Sono domande, queste, che la Schiemann si è posta in prima persona, indagando in I (HEART) BERLIN anche la sua personale storia di migrante, cresciuta in tre diversi stati e che ha vissuto due sistemi politici opposti (Germania dell’Ovest e dell’Est).

“Mia zia una volta mi disse che l’Heimat è là dove si nasce – ha raccontato la regista al Der Tagesspiegel – Ma non credo che questo sia più possibile. La mia generazione è sparsa in diverse città, viviamo un po’ qui e un po’ là, ma abbiamo bisogno di un cuore, di un nucleo centrale.” Questo è uno dei pensieri alla base di I (HEART) BERLIN, quello per cui la distanza permette di vedere di più e meglio, quello per cui si può capire la metropoli Berlino solo viaggiando nelle Berlino provinciali d’America.

Nel luglio 2013, dopo tre anni di lavoro, sono state ultimate le riprese e il documentario è stato possibile grazi ai finanziamenti pervenuti da organizzazioni e investitori privati. Sono però ancora necessari 12000 dollari per la post-produzione, che il team sta provando a raccogliere tramite una campagna di crowdfunding su Indiegogo.

TRAILER