A Berlino riapre Spectrum, il Museo dove la scienza è un gioco

0
123
[© Thomas Angermann on Flickr / CC BY SA 2.0]
[© Thomas Angermann on Flickr / CC BY SA 2.0]
[© Thomas Angermann on Flickr / CC BY SA 2.0]
Thomas Angermann on Flickr / CC BY SA 2.0]

“Perché il cielo è azzurro? Il calore si può vedere a occhio nudo? E perché un aeroplano riesce a restare sospeso nell’aria?”. Queste domande, come tante altre, trovano risposta nelle sale dello Science Center Spectrum, il museo interattivo dedicato alla scienza e alla tecnologia.

Situato nello stesso complesso del Deutsches Technikmuseum, di cui fa parte, Spectrum è da sempre una delle mete preferite dalle scolaresche della città. Al suo interno le leggi fondamentali della natura e i principi base della scienza vengono spiegati in un modo semplice, innovativo e divertente.

Sono oltre 150 le installazioni fruibili dai visitatori, divise in otto sezioni tematiche: elettricità e magnetismo, calore e temperatura, luce e vista, macchinari e movimento, microcosmo e macrocosmo, musica e suono, sguardo e percezione. Tutti gli esperimenti vengono sviluppati dai ricercatori del museo, che lavorano all’interno dell’Entwicklungslabor (development lab).

Nella superficie del museo, che supera i 1400 metri quadrati, vengono ospitati anche numerosi eventi. L’intera struttura – in precedenza un’ex stazione merci – è stata recentemente ristrutturata: i lavori, costati 2.380.000 euro, sono terminati ufficialmente nell’agosto del 2013.

Sono circa 180mila i visitatori annuali del museo. Gli studenti in gruppi pagano solamente 1,50 euro, gli adulti 6 euro, ma il biglietto comprende anche l’ingresso all’adiacente Deutsches Technikmuseum (a questo link trovate tutti i prezzi aggiornati in inglese).

SCIENCE CENTER SPECTRUM
Möckernstraße 26 – 10963 – Berlin
Telefono: 030 / 90 254-284
Aperto da martedì a domenica


Visualizzazione ingrandita della mappa

U-Bahn
U1, U7 Möckernbrücke
U1, U2 Gleisdreieck

S-Bahn
S1, S2, S25 Anhalter Bahnhof

Bus
M29 Haltestelle Schöneberger Brücke
M41 Haltestelle Willy-Brandt-Haus