A Berlino c’è il Museo delle Lettere, paradiso dei designer nostalgici

3
233
© Buchstabenmuseum -Andre Stoeriko, Hendrik Klünder (Press Kit from Official Website)
© Buchstabenmuseum -Andre Stoeriko, Hendrik Klünder (Press Kit from Official Website)
© Buchstabenmuseum – Andre Stoeriko, Hendrik Klünder (Press Kit from Official Website)

Un museo per celebrare e ricordare qualcosa che sta lentamente scomparendo dalle nostre città: le lettere e le scritte pubblicitarie, variegate e variopinte, che si potevano ammirare appese davanti ai negozi, sui tetti dei palazzi, in cima alle vetrine.

Oggi, i loghi aziendali sono molto più uniformi di un tempo. La libertà grafica e la fantasia creativa stanno svanendo, in favore di marchi spesso banali e assai ripetitivi.

Dal 2005, a Berlino, un museo sta preservando quel che resta di quelle scritte: il Buchstabenmuseum, o Museo delle lettere, espone interi alfabeti di plastica “salvati” dal passato, coloratissimi, originali e soprattutto affascinanti.

L’idea porta la firma di Barbara Dechant e Anja Schulze, che negli anni hanno raccolto migliaia e migliaia di insegne e scritte storiche, tra cui quelle di ristoranti, linee di metropolitana, stazioni di servizio, grandi aziende, piccoli negozi.

Il Museo, che sta rinnovando i propri spazi, è aperto da giovedì a domenica dalle 13 alle 17. I biglietti costano 6,50 euro; il ridotto costa 3,50 euro. Questo è il sito ufficiale del Buchstaben Museum.

DOVE?
Buchstabenmuseum Berlin
Holzmarktstraße 66
10179 Berlin-Mitte


Visualizzazione ingrandita della mappa

3 COMMENTS

  1. Ma è uno scherzo? Quello che definite un museo altro non è che un magazzino in disuso con affastellate in disordine (quindi nemmeno godobili) vecchie insegne impolverate. L’immagine che voi mostrate non descrive assolutamente le esatte condizioni del posto che attualmente non è nè una esposizione nè un museo, e nemmeno un museo in corso di riordino come sostengono alla cassa. Tale immagine, presumibilmente, è il progetto di come il museo dovrà risultare alla fine. Da quel che si è visto peraltro sbaglia a visitarlo chi cerca vecchie pubblicità. Si tratta solo di pezzi di insegne di hotel, ristoranti ed altri esercizi commerciali. Francamente ci siamo sentiti parecchio presi per i fondelli. € 6, 50 per questa roba è un furto e il vostro articolo di presentazione (che ci ha indotto ad andare) è fuorviante.

    • Cara Federica,

      ci dispiace abbia trovato l’articolo fuorviante. Ovviamente non condividiamo, consideriamo il Buchstaben Museum carino e meritevole di una visita. Ovviamente, però, può interessare solo chi coltiva un interesse specifico per la materia (e i materiali). Non è un museo adatto a tutti.

      Siamo d’accordo sul prezzo del biglietto, troppo elevato per le dimensioni e le condizioni attuali dello spazio.

      Cordialmente,
      La redazione

Comments are closed.