Vivo Così, una web series racconta cinque storie di italiani a Berlino

4
274

 vivocosì

Se, nell’arco degli ultimi anni, avete mai accarezzato l’idea di lasciare tutto per ricominciare da un’altra parte, allora è probabile che abbiate cercato informazioni e suggerimenti su Voglio Vivere Così, dal 2007 uno dei siti di riferimento per chi “sogna di cambiare vita ma non ha ancora deciso come, dove e quando”.

Da qualche settimana, il magazine online ha lanciato un interessante progetto dedicato alle storie degli italiani all’estero: Vivo Così è una webserie che dopo aver visitato Spagna e Inghilterra, toccando Barcellona e Londra, è arrivata nella capitale tedesca, Berlino. Qui il regista Michele Michelazzo, insieme alla troupe, ha raccontato la vita da emigrati di cinque italo-berliner, seguendoli nelle loro attività quotidiane.

Abbiamo posto qualche domanda ad Alessandro Castagna, fondatore e direttore di Voglio Vivere Così, nonché autore del libro Come lasciare tutto e cambiare vita, che raccoglie storie esemplari di italiani che hanno portato in giro per il mondo la loro fantasia, creatività e voglia di fare.

Com’è nata l’idea di una web series a Berlino?

L’idea di creare una Web Series per You Tube è nata lo scorso anno dopo che, per cinque anni, avevamo raccontato sul sito Voglio Vivere Così più di mille storie di italiani che avevano scelto di vivere la loro vita all’estero. Berlino è stata la terza città che abbiamo visitato per Vivo Così ed è stata un’evoluzione rispetto a Barcellona e Londra. Nelle puntate sulla capitale tedesca, infatti, abbiamo cercato di privilegiare l’aspetto informativo.

Qual è lo scopo? Raccontare la capitale tedesca e il flusso di italiani che vi arrivano, fornire spunti e strumenti per chi si vuole trasferire o qualcos’altro?

Lo scopo è quello di fornire spunti e informazioni a chi sogna Berlino come meta per una nuova vita, ma non solo. Incontriamo le persone nel loro ambiente, sul lavoro o nel tempo libero e le accompagnamo nei momenti che caratterizzano e distinguono la loro quotidianità. Crediamo che questo sia un modo reale per far capire, a chi vorrebbe trasferirsi a Berlino, cosa potrebbe incontrare una volta lì.

Come avete scelto le persone intervistate?

Il casting inizia genaralmente du emesi prima di girare e i protagonisti sono stati selezionati tra le persone che avevamo intervistato sul sito.

Qual è la storia berlinese che vi ha colpito di più durante le riprese?

Non saprei indicarne una in particolare. I cinque ragazzi italiani che abbiamo incontrato a Berlino sono persone con vissuti e professionalità molto diverse, tutti molto interessanti. Ci sono Marta Nuzzo, guida turistica, Lorenzo Grandi, da poco nella capitale tedesca, Andrea Santini, fondatore di una startup, Ruth Stirati, titolare di un’agenzia immobiliare e Franz Ardito, musicista. Sono stati tutti davvero molto generosi nel mettersi a disposizione del regista, Michele Michelazzo, nel tentativo mostrare la loro Berlino a tutti coloro che vorranno “approfittarne”.

Attraverso il vostro portale, come valutate l’interesse degli italiani per Berlino? È cresciuto nel tempo? Quali sono le aspettative, oggi?

L’interesse per Berlino è in grande crescita rispetto a qualche anno fa, lo riscontriamo quotidianamente. Qualche anno fa Berlino era considerata una città dove fare buoni affari nel mercato immobiliare. Ora è vista da molti artisti come il luogo ideale dove poter esprimere la propria creatività e da molti giovani che lavorano nell’ IT una piattaforma di lancio ed un luogo dove le opportunità non mancano se si disponde di buona volontà e perseveranza.

La prima puntata di Vivo Così – Berlino:

4 COMMENTS

Comments are closed.