“United Stasi of America”: l’attacco luminoso all’Ambasciata Usa di Berlino

unitedstasiofamerica

“Ecco come ho ridecorato l’Ambasciata americana in Germania”: lo ammette candidamente su Twitter Kim Dotcom, il discusso imprenditore web celebre per aver fondato Megaupload e per le controverse vicissitudini giudiziare che hanno fatto seguito alla chiusura del sito per violazione di copyright.

Domenica notte, Dotcom (il cui vero cognome è Schmitz) è “apparso” sulla facciata della sede diplomatica statunitense di Berlino, a pochi passi dalla Porta di Brandeburgo, nel centro della capitale del paese. Il suo volto, sovrastato dalla scritta “United Stasi of America”, è stato proiettato sul muro dell’Ambasciata.

kimdotcomberlin

L’attacco luminoso, durato pochi minuti, ha avuto come obiettivo le attività di spionaggio di massa attuate dalla National Security Agency (NSA) statunitense. Dotcom ha anche manifestato il proprio sostegno a Edward Snowden, il protagonista del datagate, l’informatico-informatore che ha rivelato al mondo le tattiche di intelligence adottate dall’America in questi anni.

Ad assistere alla proiezione, qualche decina di persone di passaggio in quel momento da Pariser Platz. Rivendicato dallo stesso Dotcom via Twitter questa mattina, l’iniziativa è stata attuate grazie a Oliver Bienkowski, artista trentunenne residente a Düsseldorf esperto in guerrilla advertising. Ecco un video dell’accaduto.

facebook
Twitter
Pinterest