Yoani Sánchez: la Berlino di mio padre e la mia, quante differenze

0
132
Heinrich Platz a Kreuzberg nel 1984
Heinrich Platz a Kreuzberg nel 1984 (da http://architecture.world4.eu/)

Segnaliamo un interessante intervento di Yoani Sánchez sul suo blog Generacion Y. La giornalista cubana racconta le sue impressioni su Berlino, e ricorda il tempo in cui la capitale tedesca ospitava il padre, macchinista di treni. Erano gli anni ’80, il Muro era ancora saldo al suo posto e la divisione tra Est e Ovest opprimente.

Eccone alcuni stralci, nella traduzione di Giordano Lupi per La Stampa:

“Dalla finestra odo il rumore di un treno che passa. A Berlino si sente sempre fischiare un treno da qualche parte. Mi affaccio e scorgo una realtà ben diversa da quella vista da mio padre in quel 1984 quando giunse per la prima volta in questa città. Macchinista di treni, si era guadagnato -grazie a ore volontarie e molto lavoro – un viaggio verso il futuro. Sì, perché a quel tempo la RDT rappresentava l’orizzonte che molti cubani un giorno o l’altro speravano di raggiungere. […]

In aeroporto, di ritorno, mostrava un sorriso luminoso e teneva un sacchetto in mano. Dentro c’erano un paio di scarpe per ognuna delle sue figlie, forse la cosa migliore ottenuta in quel viaggio. Inoltre c’erano i ricordi. Per anni ci ha raccontato il suo soggiorno nella RDT. Ogni volta aggiungeva nuovi dettagli, fino a trasformare quel viaggio quasi in una leggenda familiare da ascoltare ogni volta che ci riunivamo per festeggiare qualche ricorrenza. […]

Adesso sono io che mi trovo a Berlino. E sto pensando che mio padre non riconoscerebbe questa città, non ci ritroverebbe quel luogo visitato in un anno così orwelliano come indicato da quella data. Di quel muro che la divida in due resta soltanto un pezzo da museo dipinto da alcuni artisti; l’hotel dove alloggiò probabilmente è stato demolito e il nome della donna che fungeva da traduttrice e che lo sorvegliava – perché non scappasse a occidente – non compare più sulla guida telefonica. Non esiste più neppure la valigia, le scarpe durarono solo un anno scolastico e le foto di colore arancione scattate in AlexanderPlatz sono state maneggiate così tante volte da non essere quasi più visibili. Tuttavia, sono sicura che quando tornerò a Cuba, mio padre cercherà di spiegarmi Berlino, dicendomi come entrò in una panetteria e come riuscì a mangiarsi una pasticcino senza presentare la tessera del razionamento. Sorriderò e gli darò ragione. Non è giusto distruggere dei sogni così a lungo accarezzati”.